Rivers Of England

Astrophysics Saved My Life

2016 (Folkwit Records) | folk-pop

Riflessivo ma non introverso, anzi solare e piacevolmente discreto, il folk-pop dei Rivers Of England ha messo in luce il talento di Rob Spalding, abile e raffinato songwriter, che con un pizzico di blues, una manciata di accordi simil-jazz e tentazioni orchestrali, ripercorre il sentiero tracciato da John Martyn e Nick Drake.

"Astrophysics Saved My Life" conferma il pregevole equilibrio tra scrittura e arrangiamento dell'esordio con una serie di canzoni incisive e grintose, impreziosite dall'abilità dei musicisti coinvolti nel progetto, ai quali si aggiunge la presenza, come ospite, del chitarrista Innes Sibun, considerato uno dei migliori musicisti inglese di rock-blues e collaboratore in passato di Robert Plant.
Con un registro vocale in bilico tra Sting e Teitur, il leader dei Rivers Of England sottolinea sia le pagine più dirette che quelle più complesse e articolate, grazie a delle raffinate trame folk-pop-jazz, che danno lustro anche agli episodi più prevedibili e ordinari.

"Astrophysics Saved My Life" non è un album destinato a rivoluzionare le sorti della musica e forse non lascerà tracce nel consuntivo di fine anno, ma non è difficile immaginare che tra le undici canzoni qualcuno troverà forse quella destinata a conquistare un posto nella personale playlist del 2016, non so se sarà a causa del riff di "In Universe In Universe" o per il delicato arrangiamento chamber-folk di "Underneath The Moon".

Posso altresì immaginare che il fluire folk-jazz-blues di "Waves" o la nostalgica semplicità di "Love Science And Peace" offriranno ai seguaci del cantautorato moderno qualche spunto d'interesse. Posso perfino azzardare che il fascino trasversale di "You Me And The Sea" riuscirà a incuriosire i più duri di cuore, ma la mia preferenza va alla consistente semplicità armonica di "Norfolk", dove per un attimo gli spazi lirici e strumentali sembrano più ampi e ricchi d'inventiva, anche se la title track, con le sue ambiziose soluzioni sonore, e la più bluesy "In The Barley" stimolano e rinnovano l'interesse e la stima per la band di Rob Spalding.

Anche se meno temerario e innovativo del suo predecessore, il nuovo album dei Rivers Of England conferma il gruppo di Bath come una delle realtà più interessanti del folk-rock inglese.

(14/04/2016)

  • Tracklist
  1. In Universe In Universe
  2. You Me And The Sea
  3. Astrophysics Saved My Life
  4. Underneath The Moon
  5. Norfolk
  6. Waves
  7. Born For This
  8. Love Science And Peace
  9. Urgh Work
  10. In The Barley
  11. On The Spectrum
Rivers Of England su OndaRock
Recensioni

RIVERS OF ENGLAND

Of Trivial And Gargantuan

(2014 - Folkwit/Songs & Whispers)
Martyn, Sting, Teitur, Gray, Gabriel e Penguin Cafe Orchestra nel carniere della band di Bath

Rivers Of England on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.