BellRays

Punk Funk Rock Soul Vol. 2

2018 (Cargo) | garage, power-rock, soul

Erano ben otto anni che i Bellrays non incidevano un album di inediti, da quel “Black Lightning” che nel 2010 venne da tutti considerato fra i loro dischi più completi e rappresentativi. Poi soltanto un album di cover, e la sensazione che la vena creativa si fosse un tantino incrinata.
“Punk Funk Rock Soul Vol. 2” è il seguito dell’Ep-antipasto pubblicato la scorsa estate, titolo che sintetizza alla perfezione lo spettro stilistico entro il quale la band si muove dal 1990, qui confermato, sebbene con un taglio decisamente più “commerciale”, seguendo il medesimo percorso che fu degli Skunk Anansie, che dopo aver agitato il pubblico “alternativo” scelsero di puntare dritti alle classifiche di vendita, con esiti altalenanti.

Le principali virtù dei BellRays restano la spettacolare voce di Lisa Kekaula e un impianto strumentale che all’occorrenza sa essere incendiario, con sugli scudi le chitarre di Robert Vennum, compagno di vita, oltre che artistico della possente vocalist.
Le dieci tracce qui raccolte cercano di colpire non solo la testa ma anche il cuore (“I Can’t Hide”), in una formula che appare sì un po’ scarica e senza particolari guizzi, ma che sa ancora evidenziare solidi spunti garage-rock, come ben dimostrato in “Man Enough”, dove vengono rispolverati - senza sfigurare – gli spettri di Stooges e MC5.

Altrove svolgono il compitino replicando l’innocuo rockettino patinato e telefonatissimo che rese bestseller molti dischi di Tina Turner (“Bad Reaction”, “Junior High”), arricchendolo di interessanti venature soul (“Perfect”, la più morbida “Every Chance I Get”), o di quel piglio solare che rischia di trasformare “Brand New Day” in un singolone estivo.
I BellRays puntano su un ragionevole compromesso e, smorzata la rabbia di gioventù, buttano l’occhio anche al mutuo da pagare e alle famiglie da mantenere, perdendo così il treno per la storia – sul quale avrebbero potuto abilmente salire – ma continuando a produrre lavori senz’altro gradevoli e appassionati.

(08/04/2018)

  • Tracklist
  1. Bad Reaction
  2. I Can’t Hide
  3. Man Enough
  4. Perfect
  5. Brand New Day
  6. Junior High
  7. Never Let A Woman
  8. Every Chance I Get
  9. Now
  10. Love And Hard Times
BellRays su OndaRock
Recensioni

BELLRAYS

Covers

(2016 - Léocas Records)
Dai Led Zeppelin agli Ac/Dc, sei storiche cover per il ritorno a sei anni da "Black Lightning"

BELLRAYS

Black Lightning

(2010 - Fargo)
Tellurico incrocio fra suoni garage e raffinatezze soul nel nuovo lavoro del quartetto californiano ..

BELLRAYS

Hard, Sweet And Sticky

(2008 - Anodyne)
La band statunitense svolta verso il più classico hard-rock

News
Live Report
BellRays on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.