Get Well Soon

The Horror

2018 (Caroline International) | chamber-pop, orchestrale

Dopo l'amore la paura, due anni dopo "Love" ecco "The Horror", sesto lavoro (esclusi una lunga sfilza di Ep) firmato dal compositore tedesco Konstantin Gropper. Chamber-pop orchestrale con non troppe trame orrorifiche (come il titolo lascerebbe presumere), condito piuttosto da una forte speziatura d'antan, pensato per anime alla disperata ricerca di una liberatoria serenità. Un album che vuole essere un segno dei nostri tempi, attraverso il quale l'autore dà una bella sforbiciata alle barocche esagerazioni che ne avevano contrassegnato gli esordi, pur mantenendo la pomposa grandeur che da sempre lo caratterizza.

In questi anni Gropper ha lavorato su diverse colonne sonore, e il taglio cinematografico fuoriesce anche dalle nuove dodici tracce, a partire dalle orchestrazioni di "Future Ruins pt. 2" sulle quali si stende caldissima la voce di Ghalia Benali, poliedrica cantante tunisina. Ma è l'intero disco a essere arrangiato in maniera ricca, con un grande dispiegamento di forze: musica sinfonica contemporanea, contrassegnata da esplosioni e crescendo imperiosi, in grado di conferire impeto all'introspettivo songwriting da camera che altrimenti rischierebbe di diventare ridondante e stantio.

Dentro "The Horror" c'è molto buio, ma a tratti la luce viene lasciata filtrare, anche in maniera fragorosa, come nella travolgente "Martyrs". Restano comunque i frangenti malinconici, sempre imponentemente arrangiati, a caratterizzare l'album, come accade nelle tre visioni di "Nightmare", impostate con tono da cantante confidenziale. Del resto la modalità da moderno Sinatra viene ribadita in più punti, sino alla conclusiva "(Finally) A Convenient Truth".
La voce su "Nightmare n° 2 (Dinner At Carinhall)" è di Sam Vince-Law, il contributo su "Nightjogging" è della cantautrice australiana di stanza a Berlino Kat Frankie: ospiti che conferiscono a "The Horror" ulteriori sfaccettature e divagazioni sul tema.

(15/06/2018)

  • Tracklist
  1. Future Ruins pt. 2
  2. The Horror
  3. Martyrs
  4. Nightmare n° 1 (Collapse)
  5. An Air-Vent (In Amsterdam)
  6. Nightmare n° 2 (Dinner At Carinhall)
  7. The Only Thing We Have To Fear
  8. Nightjogging
  9. A Misty Bay At Dawn
  10. Nightmare n° 3 (Strangled)
  11. (How To Stay) Middle-Class
  12. (Finally) A Convenient Truth
Get Well Soon su OndaRock
Recensioni

GET WELL SOON

Love

(2016 - Caroline International)
Le riflessioni sull'amore dell'acclamato autore baroque-pop

GET WELL SOON

The Scarlet Beast O' Seven Heads

(2012 - City Slang / Nude)
Un altro capitolo della saga barocca di Gropper, dedicato alla musica del cinema italiano dei 70

GET WELL SOON

Vexations

(2010 - City Slang / Cooperative Music)
Le "vessazioni" del polistrumentista tedesco, raccontate in un disco ambizioso

News
Get Well Soon on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.