Lithics

Mating Surfaces

2018 (Kill Rock Stars) | post-punk

Non ce ne liberemo tanto presto, del post-post-punk. Nel bene e nel male. Il wave-revival, ormai in esaurimento ma ancora capace di colpi di coda (vedasi il gagliardo funk bianco à-la A Certain Ratio sfoderato dagli ultimi Parquet Courts, o l'energia proletaria formato-chorus degli Shame), ha senz'altro avuto il merito di riportare la "musica con le chitarre" sotto i riflettori, ma lo ha fatto cavalcando gli aspetti più facili dello sconfinato e contraddittorio non-movimento: pose darkeggianti, ammiccamenti synth-pop, chitarrine pulite di scuola Orange Juice/Josef K, sperimentalismi senz'anima che non hanno lasciato traccia. Pochi sono riusciti ad appellarsi allo spirito più intrigante di quella stagione, la generazione dei "punk alla scuola d'arte": intellettuali ma diretti, capaci di compendiare un solido impianto teorico in formati freschi e immediati, senza pedanteria alcuna.

Al secondo album dei Lithics va quantomeno dato atto di essersi scelto i numi tutelari giusti: se la copertina occhieggia in maniera fin troppo palese ai Wire (e forse, più alla lontana, ai Pink Military), la musica insegue quelle linee rigide e spezzate attorcigliandosi in uno spigoloso gomitolo elettrico, tagliente come le pietre scheggiate evocate dal loro secco nome. Nevrotici come i Feelies, sferraglianti come i Fall, affilati come i Gang Of Four, con una voce femminile alienata (ma a suo modo sfrontata) che rimanda a Slits e Bush Tetras, la loro è una No wave ossessiva ma solare, poco urbana, poco nera, molto motorik, ideale per un festival all'aperto.
I DNA in rewind di "When Will I Die", l'inno paranoico di "Boyce" (quasi dei Mission Of Burma che rileggono "Skank Bloc Bologna") e il finale a trapano sguainato stile MX-80 Sound di "Dancing Guy" sono fotografie mosse della loro teatralità dinamica ma non isterica, così ossuta e derelitta da far cadere qualsiasi sospetto di artificiosità. E' un sophomore ma sembra un esordio: valutate voi se sia un pregio o un difetto.

Passaporto (Portland) e referenze (Kill Rock Stars) potrebbero tentare accostamenti con le Sleater-Kinney, ma un paragone più azzeccato dallo stesso roster sarebbero le Erase Errata. Senz'altro derivativi, ma con grinta e sagacia: non è poco, vista la concorrenza.

(24/01/2019)



  • Tracklist
  1. Excuse Generator
  2. Still Forms
  3. When Will I Die
  4. Specs
  5. Boyce
  6. Glass Of Water
  7. Be Nice Alone
  8. Flat Rock
  9. Edible Door
  10. Home
  11. Cheryl
  12. Dancing Guy




Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.