Lorų

Hidden Twin

2018 (Brigante et al.) | post-metal, post-rock, metalcore

Trascorsa ancora un’esperienza con i Rosario per un secondo album (“And The Storm Surges”, 2016), Zulato e Boni si ricongiungono a Bonafini per riprendere l’affine progetto post-metal Lorø cominciato con un omonimo “Lorø” (2015). La novità più evidente del secondo “Hidden Twin” è l’introduzione del canto, o meglio del growl più bestiale.

Ciò permette al terzetto padovano una maggiore varietà: anzitutto l’ultra-death alla Meshuggah “Choke”, laddove la voce è solo un vomito di cacofonia che si confonde con distorsione ed elettronica. In “Last Gone” e “Deaf’s Hymn” viene invece a mancare l’impatto, i droni elettronici si tranquillizzano, la voce conquista il centro della scena, l’assetto si fa fighetto. Prima vera prodezza della carriera, l’eponima “Hidden Twin” (sette minuti) comincia come folk scuro, con tanto di ugola gutturale alla Gira, prima di essere travolto dai colpi distorti e poi proseguire come fantasia post-rock. Svolgimento e struttura ricordano, alla lontana, le “Chinese Radiation” dei Pere Ubu.
I pezzi strumentali - le radici stilistiche del trio - cominciano alla meglio, “Low Raw”, un riscaldamento al calor bianco, uno sfogo brutale di riff e rullate, pure arricchito da un rallentamento raccapricciante Black Sabbath-iano, ma “Point&Comma” suona dispari (attacco epico d’elettronica e poi un languire in tempo di thrash-metal che invece necessiterebbe della voce).

Disco breve e aggressivo, passato un po’ troppo sotto i ferri della produzione (il rovigotto Miles T.), ma l’opulenta operazione di maquillage e chirurgia ha la sua utilità nel sound e alla fin fine - ridondanze a parte - ripaga, restituisce un’aggressività debordante nel metal industriale con una precisa onda d’urto, e una parte elettronica incaponita in una sorta d’avanguardia irrazionale. Nuova copiosa co-produzione in tandem: Brigante, Dio Drone, Drown Within, Cave Canem DIY, In The Bottle. Artwork di Zulato.

(11/04/2018)

  • Tracklist
  1. Low Raw
  2. Choke
  3. Last Gone
  4. Deaf’s Hymn
  5. Point&Comma
  6. Hidden Twin
  7. Inertia, Drive Me As Only Can Do
Lorų su OndaRock
Recensioni

LORų

Lorų

(2015 - Red Sound et al.)
Trio di referenziati strumentisti dell'entroterra padovano al debutto

Lorų on web