Moloch Conspiracy

The Cave Of Metaphysical Darkness & Lights

2018 (Eighth Tower Records) | dark-ambient

Il musicista francese Julien A. Lacroix è l’ideatore del progetto Moloch Conspiracy, giunto al suo secondo Lp un anno dopo “The Burned Temple”. Affascinato dalle sonorità dark-ambient più estreme e dagli aspetti più oscuri ed esoterici della mitologia precristiana, Lacroix con “The Cave Of Metaphysical Darkness & Lights” ci invita in un terribile viaggio nei miti mesopotamici, in un esoterismo estremo che trova nell’oscurità di una grotta il luogo ideale per manifestarsi.

La grotta è il luogo del buio assoluto, ma è anche - nella cultura mesopotamica - il luogo dove si trova celata la fonte primaria della vita, un immenso oceano sotterraneo che alimenta tutte le fonti d'acqua terrestri, protetto dal dio Apsu. ‎I brani prendono il nome da antiche divinità, in un susseguirsi di trame sonore che tracciano un percorso da concept-album. Dall’inizio tipicamente dark-ambient di “At The Entrance To The Cave”, con cori sinistri e ambientazioni cinematiche, si giunge a “Fear Of Stones”, che aumenta l’aspetto psicologico di paura e angoscia. Il fascino è indubbio.  

Ma il brano più importante e originale è il terzo - dedicato all'antico mostro mesopotamico “Kulullû” - che si arricchisce di arpeggi di arcaici strumenti a corde (in questo caso la gusla, strumento popolare a corda singola usato nei Balcani, che ha origini antichissime, probabilmente bizantine) e note basse di piano in sottofondo. Difficile immaginare atmosfere più sinistre richiamanti le paure più ancestrali dell'uomo (l'oscurità, l'incontro col soprannaturale, l'esplorazione di luoghi ignoti).
“Apsu”, il dio dell’immenso oceano sotterraneo, aggiunge delicate voci femminili; l’oceano dona agli uomini le basi per la vita, ma il canto sembra più ammaliare che concedere vere tregue. “The Subterranean River” è ancor più minimale, con rumori di flussi d’acqua e litanie di antichi sacerdoti pagani intenti in pratiche magiche.
Si chiude con “Epilogue”, probabile uscita dalla caverna, una sorta di “riveder le stelle” con nuovi arpeggi e canti ben poco rassicuranti.

(26/08/2018)



  • Tracklist
  1. At The Entrance To The Cave
  2. Fear Of Stones
  3. Kulullû
  4. Apsû
  5. The Subterranean River
  6. The Awful Ritual
  7. Epilogue


Moloch Conspiracy on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.