Austin Rockman

Plum God

2019 (Self Released) | ambient, field recording, experimental

Una profonda immersione nel silenzio e nelle anguste trame del caos, della debolezza e dell’illusione umana. Austin Rockman oltrepassa il confine della musica sperimentale e ambient, con un’opera che cattura suoni e riverberi nel mondo del sovrannaturale, ovvero quelle note armoniche e disarmoniche che solo quando cala il silenzio è possibile cogliere nella loro profonda bellezza.
Niente paura, non è un altro disco da celebrare negli annali discografici per poi accantonarlo per palese monotonia espressiva, il musicista newyorkese possiede non solo l’arte della sintesi, solo trentuno minuti, ma anche una visione globale e coerente della natura estrema eppur sfuggente di “Plum God”.

Non è superflua questa frase catturata dal comunicato stampa: "Oscilliamo come alberi contro un vento invisibile, le correnti premono su di noi, come coste, costantemente riemergiamo da una fonte apparentemente infinita". Le otto brevi tracce di “Plum God” sono tutte possedute da una continua serie di ombre e incertezze emotive. Suoni naturali e rimaneggiamenti elettronici sottolineano la tragedia dell’infinita attesa e dell’imperscrutabile rumore del silenzio, che grava implacabile quando l’anima resta preda dell’indefinito.
E’ una foresta di suoni ed echi armonici che stimolano la mente fino a renderla piacevolmente esausta: la musica di Austin Rockman è come un liquido amniotico dove rigenerarsi, i suoni metallici e oscuri fluttuano cercando luce, così come la mente cerca il conforto della certezza.

Opera profondamente e musicalmente organica, “Plum God” è un esordio entusiasmante, una ventata d’aria fresca in un panorama stilistico che a volte risulta stagnante, un album tra ambient e field recording, che possiede il brio del ritmo senza che alcuna percussione ne tratteggi i suoni, un progetto che non esaurisce il suo fascino nel suo breve tragitto, ma resta nell’aria e nell’anima fino a placarne la sofferenza.

(02/04/2020)



  • Tracklist
  1. On Awash 
  2. Inland 
  3. Wire And Leaf 
  4. Tell Tide 
  5. Plum God 
  6. Blue Vow Mender 
  7. Home And Haunts 
  8. Veneer






Austin Rockman on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.