Impavida

Antipode

2019 (Ván) | atmospheric depressive black metal

“Antipode” è l’importante ritorno della formazione tedesca Impavida, ora sotto l’egida della Ván Records. Il loro disco precedente, “Eerie Sceneries”, risaliva al 2008 ed era un piccolo gioiello nel campo dell’atmospheric depressive-black metal, capace di far propria la lezione del Burzum di “Hvis Lyset Tar Oss” e dei primi Shining, la band svedese di Niklas Kvarforth.
In origine Impavida era formata da E. aka God Killing Himself (voce, basso e chitarra) e Herbst (batteria). Dopo l’uscita di quest’ultimo, nel 2018 è entrato in campo il cantante conosciuto come He, Who Walketh the Void, lasciando quindi E. a occuparsi della registrazione delle parti strumentali di “Antipode”.

Il nuovo lavoro mostra una rinnovata capacità nel creare atmosfere evanescenti e cadaveriche, capaci di guardare ai maestri del genere (pensiamo soprattutto a Xasthur, oltre a Forgotten Woods). La lunga traccia iniziale “Demons’ Eerie Flutes Accompany The Decay Of Corpse Defiled” mette subito le cose in chiaro attraverso sedici minuti ipnotici e dissonanti, tra sfuriate black metal e notturni passaggi atmosferici accompagnati dallo scream malato di He. La componente depressive emerge soprattutto nel cantato, ma quello che colpisce è la maturità di un songwriting intenso e personale, capace di evocare un viaggio oscuro tra le nebbie teutoniche, il tutto senza cali di tensione.

La seconda traccia “Corpse Devourer” mostra il lato più dissonante e cacofonico dei nuovi Impavida, chiudendo così la prima parte del lavoro con un brano che sfuma in un necrotico finale. “The First Flame Initiates The Cleansing Of Putrid Terrestrial Spirits” è il lungo titolo dell’altrettanto lunga composizione (quasi diciassette minuti) che troviamo nella seconda parte dell’album. Qui, tra passaggi midtempo, emerge la componente più melanconica ed emotivamente malata che monta progressiva e inesorabile, rallentando la corsa verso la metà per poi lanciarsi di nuovo verso la catarsi finale.
“Towards The Pyre” chiude il tutto con i toni più puliti della chitarra: un’immersione in territori che rasentano il black ambient più fosco e senza speranza.

“Antipode” riesce nell’intento di coniugare intensità emotiva e atmosfera. È un valido ritorno di una band rinata dalle proprie ceneri, un lavoro consigliato a tutti gli appassionati del genere Dbm e del black atmosferico. Anche il precedente “Eerie Sceneries”, forse più aspro, diretto e vicino a un suono alla Burzum, è stato ristampato quest'anno, per la prima volta in vinile, dalla Ván e merita senz'altro un (ri)ascolto.

(29/08/2019)



  • Tracklist
  1. Demons' Eerie Flutes Accompany With The Decay Of Corpses Defiled
  2. Corpse Devourer
  3. The First Flame Initiates The Cleansing Of Putrid Terrestrial Spirits
  4. Towards The Pyre


Impavida on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.