Majah

Majah Ep

2019 (autoprodotto) | songwriter, dark

Majah è il nome d’arte della giovane esordiente Helen Jahn, musicista tedesca che si è fatta notare pochi mesi fa al Wave Gotik Treffen di Lipsia. Cantautrice anomala dalle tinte oscure tra folk e chanson dark, Majah esordisce quest'anno con un Ep di sei brani brevi (tutti tra tre e quattro minuti) nei quali la principale originalità che si coglie è l'utilizzo di uno strumento molto particolare. Suona infatti una sega manuale di circa 50 centimetri con un archetto per violino, tenendola a una estremità con un cacciavite e ottenendo un effetto ghost sound suggestivo.

Questo strumento rielaborato, presente in alcuni dei suoi brani, insieme alla onnipresente chitarra acustica, dona un aspetto nuovo al classico album folk di chitarra e voce. L’effetto “fantasma” parte subito in “Im Nebel”, accompagnato dalla voce cristallina di Majah, con arpeggi di chitarra semplici e tradizionali. Le lievi influenze blues di “Kind Der Nacht” rimangono sempre contenute in un sound lento e riflessivo che ricerca la melodia e il bel canto, mentre “Wie Eine Welle” è decisamente più legata al folk revival.

Il brano più riuscito sembrerebbe l’ultimo, “Weichen Gestellt”, maggiormente complesso nell’arrangiamento e arricchito con la tastiera, che potrebbe dare il via a un prossimo lavoro più lungo e maturo, rispetto a una semplice prima prova di sei brani brevi che per ora rimangono una buona promessa per un futuro roseo.

(03/12/2019)



  • Tracklist
  1. Im Nebel
  2. Wahnsinn & Genie
  3. Herr Meier
  4. Kind Der Nacht
  5. Wie Eine Welle
  6. Weichen Gestellt


Majah on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.