Radare

Der Endless Dream

2019 (Golden Antenna) | psych-rock

Dopo tre album e una carriera passata nei sotterranei della scena indipendente tedesca, i Radare si rinnovano per il loro quarto album, "Der Endless Dream", non solo nella forma: Fabian Bremer (chitarre, synth), Henrik Eichmann (batteria, clarinetto), Jobst M. Feit (chitarre, synth) e il nuovo arrivato Dominik Fink (basso) sono la nuova formazione che ha registrato le sette tracce in scaletta dell’album.

Il rinnovamento porta il gruppo di Leipzig a lavorare per la prima volta in uno studio professionale, quello di Lari Eiden, il Lunar City Studio di Darmstadt. Una nuova direzione che ha conseguenze anche stilistiche: già nel precedente lavoro dei Radare si era visto un rallentamento dei tempi dei brani, ma con le nuove tracce i riferimenti al post-rock di Slint e Bohren & Der Club of Gore sono decisamente più evidenti.

I sette minuti abbondanti di “Loup De Mer” che aprono le danze sono un manifesto d’intenti: il jazz fuori dagli schemi dei Lounge Lizard rivive tra chitarre visionarie che accompagnano la descrizione del tema. “Stalked” è un intervallo di appena un paio di minuti, quanto basta per calibrare i neuroni su sonorità desertiche e psichedeliche. Senza soluzione di continuità parte “Eternal Love”, una ballata straziante che cortocircuita Calexico e Angelo Badalamenti.

(09/08/2019)

  • Tracklist
  1. Loup de mer
  2. Stalked
  3. Eternal Love
  4. Der Endless Dream
  5. Who Put the Fear in You 
  6. Room
  7. Second Son
Radare on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.