Activity

Unmask Whoever

2020 (Western Vinyl) | art rock, post-punk

Muggabears, Grooms e adesso Activity. Travis Johnson compie un ulteriore passo nell’oscurità e nelle paranoie della moderna società americana, questa volta con al seguito il fedele batterista - nonché ex-Grooms - Steve Levine, il bassista Zoë Browne dei Field Mouse (band dream-pop americana da non confondere con i Field Mice) e il chitarrista Jess Rees dei Russian Baths, mentre al banco di produzione siede un ingegnere del suono dal titolato curriculum, ovvero Jeff Berner (Psychic TV).

Elettronica, dream-pop, psichedelia rimodellano le attitudini indie-rock di Johnson, supportato da un ensemble all’altezza delle visionarie e cosmiche riletture avant-rock sperimentate in passato. Non solo Sonic Youth, Pavement e kraut-rock. Gli Activity setacciano le moderne metamorfosi di Broadcast e Beak>, lasciando fluttuare fiumi di synth e vapori darkwave che coronano una scrittura efficace e ancora più matura.
La musica di “Unmask Whoever” è malandata, acre, anche quando il ritmo sembra scandito con il battito del cuore (l’imprevedibile singolo “Calls Your Name”); né l’energia smodata dell’elettronica, né la mutevolezza del suono delle chitarre riescono a rendere agevoli le originali trame pop.
Al centro di tutto vi è un’intesa perfetta tra i quattro musicisti, foriera di interessanti commistioni di stile: evanescenze dream-pop, trip-hop e abrasioni shoegaze che si sposano in “Spring (Low Life)”, ardori romantici alla Cocteau Twins che non disdegnano le alterazioni elettroniche dei Broadcast in “In Motion”.

Tutto l’album è un ribollire di emozioni e turbative sonore dai connotati ossessivi e sinistri: è infatti quasi diabolica la progressione dei pochi accordi di chitarra e dell’incipit ritmico di “Earth Angel”, un’oscura litania che si deforma su strali noise dalle difficili connotazioni strumentali. La band americana non conosce confini nel raffigurare sogni e incubi, convogliando suoni darkwave e industrial pronti a trafiggere la struttura Velvet-iana di “Auto Sad”, raggiungendo così le soglie del terrore più algido.
Peccato che nel mettere troppa carne a cuocere il filo conduttore di “Unmask Whoever” non sia sempre a fuoco, ma a ciò non corrisponde un calo di tensione. Innegabilmente il duello tra synth e chitarre di “Nude Prince” poteva essere più ambizioso e la ninna nanna di “Looming” tiene forse troppo a bada le influenze kraut e trip-hop che provano a infettarne l’estetica, ma il fremito della sperimentazione dona anche agli episodi meno incisivi un fascino malsano e inquieto.

Le tenebrose e angoscianti attitudini della musica della band newyorkese non hanno nulla di sconvolgente e oltraggioso, ma solo perché anni e anni di orrore puro hanno alimentato cinismo e indifferenza: brani come la vellutata “I Like The Boys” e la placida e sognante “Violent And Vivisect” non agitano l’anima. Tuttavia la tribolante jam di rock ed elettronica di “The Heartbeats” si insinua nella mente come un mantra psych-tribal-acid, sintetizzando alla perfezione tutte le potenzialità di una band che, a dispetto delle evidenti professionalità ed esperienza, ha tutta la verve di un gruppo di esordienti.

(21/07/2020)



  • Tracklist
  1. In Motion
  2. Calls Your Name
  3. Spring (Low Life)
  4. Nude Prince
  5. Looming
  6. Earth Angel
  7. The Heartbeats
  8. I Like The Boys
  9. Violent And Vivisect
  10. Auto Sad




Activity on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.