Best Coast

Always Tomorrow

2020 (Concord) | surf-pop, indie-rock

I wish he was my boyfriend
I'd love him till the very end
But instead he is just a friend
I wish he was my boyfriend
(da "Boyfriend", 2010)
Bethany Cosentino, classe 1986, è cresciuta: ben dieci anni ci separano dalle ballate agrodolci e lo-fi di "Crazy For You", l'esordio intriso di inquietudine post-adolescenziale.
Un decennio in cui la musicista californiana ha alternato equilibrio e dipendenze, tra introspezione ("The Only Place", 2012) e un apparente approdo alla maturità: "California Nights", del 2015, si apriva con il flusso di coscienza di "Feeling Ok":
Today I know I feel ok  
Baby look at me with those eyes of grey
When I get down, I get so down
But I'll keep trying to stay this way
I know it's love that's got me feeling ok
Apparente perché, come la stessa Bethany ha recentemente rivelato, stava mentendo a sé stessa: non era affatto ok e i mesi successivi all'uscita del disco la videro nuovamente alle prese col problema dell'alcol.
Le cose sono cambiate solo a fine 2017, quando è iniziato il processo di scrittura del nuovo lavoro: Bethany è riuscita a raggiungere una sobrietà stabile e ha ritrovato una rinata vena creativa, anche coinvolgendo - per la prima volta - il polistrumentista Bobb Bruno nella scrittura dei pezzi. Un musicista dalle influenze parecchio eterogenee: in una recente intervista al New York Times, ha citato Avril Lavigne, Kool & the Gang, White Lion e Spinanes fra gli ascolti propedeutici alla realizzazione di "Always Tomorrow".

Ed è indubbio l'apporto di nuova linfa vitale; il comeback si apre con tre singoli: la ramonesiana "Different Light", una vera e propria partenza in quarta che ci consegna dei Best Coast in ottima forma, seguita dalla presa di coscienza di "Everything Has Changed", affidata invece a un robusto  power-pop, e la melodica "For The First Time".
"Graceless Kids" è il primo brano a essere stato scritto da Bobb: un pezzo oltremodo catchy, caratterizzato da riff hard-rock ottantiani, il cui demo ha conquistato in primis la stessa Bethany, convincendola della scelta di lavorare in sinergia con lo storico compagno di band. Un risultato che appunto convince, fra anthem pop-punk ("Wreckage"), passaggi al 100% Best-Coast-Style ("Master Of My Own Mind") e una personale declinazione del sound doo-wop,  apprezzabile in "True". C'è spazio anche per una - moderata - sperimentazione, affidata all'utilizzo dei synth, ad esempio in "Seeing Red".
 
La Cosentino, dalle indubbie radici tricolori, manca da una decina di anni dai nostri palchi, proprio dal tour del citato "Crazy For You". Nemo propheta in patria? Senza dubbio nel Belpaese i Best Coast avrebbero meritato più visibilità, basti pensare agli oltre trecentomila like su Facebook, o alle milioni di visualizzazioni dei loro video su YouTube. L'auspicio è dunque duplice: che il nuovo lavoro consenta a Bethany e Bobb di raggiungere un nuovo pubblico e che li riporti quanto prima da queste parti.

(06/04/2020)

  • Tracklist
  1. Different Light
  2. Everything Has Changed
  3. For The First Time
  4. Graceless Kids
  5. Wreckage
  6. Rollercoaster
  7. Master Of My Own Mind
  8. True
  9. Seeing Red
  10. Make It Last
  11. Used To Be




Best Coast su OndaRock
Best Coast on web