Davide Tosches

Sulla terra

2020 (Private stanze) | singer-songwriter, pop-rock

Caprette, muli, fieno, recinti, legna, sconfinati paesaggi boschivi. Forconi, motoseghe e altri attrezzi per lavorare la terra impugnati come un glam-rocker anni 80 brandirebbe la sua sbrilluccicante chitarra a coda di rondine. È così che si presentano Davide Tosches e “Confine del bosco”, il suo personale studio di registrazione costruito interamente in legno di larice. I paesaggi bucolici e il loro contrasto con “Le luci della città distante”, per dirla con il titolo del suo scorso disco, sono sempre stati al centro della musica del ruvido cantautore e disegnatore piemontese.
Già dal titolo, “Sulla terra”, la quarta opera (quinta considerando l’irreperibile esordio “Stressmog”) di Tosches consolida la relazione viscerale e necessaria tra l’autore e la natura. “È la stessa forza della mia terra a darmi parole che non ho mai avuto”, racconta in “Stelle Nascoste”; un incanto boschivo di suoni e parole che, posizionato alla traccia numero 6, fa da cuore pulsante al disco, incalzando con le sue strofe dal ritmo sostenuto, sfumando poi tra magici gorgheggi da fata silvana e una leggiadra danza di archi.

In tutte queste canzoni, interamente scritte da Tosches al pianoforte (suo strumento favorito) e poi addobbate di chitarre distorte, bassi schioccanti, sintetizzatori, batteria e archi (che sono stati però arrangiati da Andrea Ruggiero), il ritorno alla natura è una costante. Un viaggio inevitabile verso un riallineamento simbiotico: “Siamo alberi fiumi e montagne/ e nuvole nere lontane” si canta nella notturna “La luna tra i rami”, un altro brano immaginifico di foglie che frusciano, rami che crepitano e violini che sul finale danzano “Il sabato del villaggio”.
Le parole di Davide sono semplici, raramente si incrociano in pindariche figure retoriche, puntano invece al nettare dei sentimenti e vanno sempre a segno, sia quando sono rivolte alla figliola nella dolcissima “Diana” che quando offrono conforto a una ragazza generica ne “La ragazza che piange”.
Nude le parole, nudo l’uomo, che nella dolorosa “La terra emersa” racconta la depressione e le sue meccaniche infernali: “Sono io la terra emersa dal quel mare/ sono io la terra emersa da quel male/ dove tutto, è normale”, sono però i vittoriosi pensieri che la concludono, emergendo a loro volta dalle onde crespe e salate di un acre post-rock marittimo à-laOcean Songs”.

Senza episodi deboli, con la possibilità che ogni brano colpisca a diversi livelli a seconda delle esperienze degli ascoltatori, “Sulla terra” è un disco pop-rock immediato, ma profondo e cosciente della sua profondità, di quante emozioni sopite un tramonto rosso su una finestra o la luna tra i rami del bosco possano risvegliare.

(12/12/2020)

  • Tracklist
  1. Nel nero di notte
  2. Sulla terra
  3. La luna tra i rami
  4. Diana
  5. Pioggia
  6. Stelle nascoste
  7. Le notti scure
  8. La ragazza che piange
  9. Vent'anni
  10. La terra emersa
  11. Pioggia (Abbazia)


Davide Tosches on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.