DrefGold

Elo

2020 (Island) | trap, pop

DrefGold, pseudonimo del classe '97 Elia Specolizzi, è un rapper italiano nato in Salento e cresciuto a Bologna. Rientra fra i giovanissimi della scena trap nostrana e in generale del nuovo rap italiano, spesso etichettato semplicemente come wave. Nel 2018 il suo album "Kanaglia" lo ha presentato scanzonato e sufficientemente eclettico, con la spassosa "GG" e la colorata "Boss" a delineare una rap-persona fra Sfera Ebbasta, Ghali e Dani Faiv.

Questo "Elo", abbreviazione del nome di battesimo, è un album più intimista e serioso, persino malinconico in alcuni momenti. In più, è un florilegio di ospiti, come fosse l'album di Marracash invece che quello di un quasi-esordiente, ma sempre debole sul versante delle produzioni, affidate quasi esclusivamente a Daves the Kid e Drillionaire.

La title track è un autoritratto che ne riscrive il personaggio dopo quella "Kanaglia" che lo dipingeva un paio di anni fa. Il latin-trap depresso di "Elegante", prodotto da Charlie Charles, con "Sfera Ebbasta" che da ospite insiste su uno stile che ha frequentato senza grande successo creativo, anticipa il Capo Plaza in "Opps", che richiama il sound trap che in Italia andava di moda nel biennio 2016-'17 e che troviamo spesso nell'album.
Per tornare un po' al presente serve "Enjoy", filastrocca emo-trap con uno splendido Tedua e soprattutto "Bankroll", con un intreccio veloce di rime portato in orbita da Luchè ("il mio bodyguard é il diavolo").

L'aspetto più leggero, degno del più spensierato Dani Faiv, trionfa nel pop-trap di "Calma". Una certa stanchezza affligge la seconda metà della scaletta: si dimenticano le ospitate di Lazza e Tony Effe, così come il labirinto lessicale un po' Tha Supreme di "223" e la semi-imitazione del Ghali più pop di "Chance".
Aiuta un Gué Pequeno caraibico in "Giro d'Italia", come il recupero di "Snitch e Impicci", la filastrocca col supporto degli Fsk e con il cambio di beat manco fossero dei Travis Scott.

Se quest'album fosse stato pubblicato nel 2017 o al massimo nel 2018, staremmo parlando di un lavoro fra i tanti di una scena in fase di crescita esponenziale. Oggi, a metà 2020, rischia semplicemente di confondersi fra tanti altri. Il tranello delle ospitate, nel caso di DrefGold, consiste nell'evidenziare la scarsa peculiarità del suo flow rispetto ad altri colleghi; tra l'altro è ben poco aiutato da un team di producer dalle scelte spesso obsolete o, al giorno d'oggi, semplicemente banali, rispetto allo stato dell'arte.

(25/05/2020)



  • Tracklist
  1. Elo
  2. Elegante (feat. Sfera Ebbasta)
  3. Opps (feat. Capo Plaza)
  4. Domani l'altro
  5. Enjoy (feat. Tedua)
  6. Bankroll (feat. Luchè)
  7. Calma
  8. Zero+Zero (feat. Lazza)
  9. Wickr Me (feat. Tony Effe)
  10. 223
  11. Chance
  12. Giro d'Italia (feat. Gué Pequeno)
  13. Snitch e impicci (feat. FSK Satellite)
  14. Stupido Drip
  15. Notte e giorno


DrefGold on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.