Katie Malco

Failures

2020 (6131) | sad-folk-rock

Giunge dopo una lunga gavetta di tour di spalla a vari nomi (Julien Baker, Dawes, Bob Mould) l’esordio dell’inglese Katie Malco, una delle cantautrici meno “inglesi” che si ricordino nello stile. Certo non si tratta della prima a proporre un cantautorato muscolare e imbronciato (disco interamente suonato con una Telecaster, sua fida compagna di tour), ma “Failures”, pur nella sua estrema semplicità espressiva, a partire dal titolo, vive di una forza innegabile, data prima di tutto dall’ispirazione nella scrittura delle canzoni, ma non solo.

Tra le ballate sad-folk, le contemplazioni notturne di “Night Avenger”, alla Chantal Acda, l’Americana dolce di “Fractures”, dalle parti di Joan Shelley, Katie si fa strada con prepotenza, con canzoni dal turgore limpido, per quanto arrangiate in modo spartano.
È proprio l’immediatezza di questo stile uno dei punti di forza di “Failures”, magari per certi versi troppo lineare per l’ascoltatore viveur (per esempio nei brani alt-rock come “Animal” e “Creatures”), ma per questo in possesso di una forza primitiva e emozionante (il singolone “September”, gli scorci notturni di “TW”).

Privo dall’altro lato della raffinatezza espressiva di una Adrianne Lenker (non necessariamente un metro di giudizio ma una caratteristica stilistica), qui ricordata in “Brooklyn”, “Failures” compensa in effetti con la propria inequivocabilità (“Let’s Go To War”), per arrivare a un effetto catartico forse maggiore rispetto al cantautorato affine contemporaneo.

(19/06/2020)



  • Tracklist
  1. Animal
  2. Brooklyn
  3. Fractures
  4. September
  5. TW
  6. Night Avenger
  7. Creatures
  8. Let’s Go To War
  9. Peckham
  10. The First Snow
Katie Malco on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.