Merzbow, Mats Gustafsson, Balázs Pándi

Cuts Open

2020 (RareNoise) | noise, free improvisation

Che cosa aspettarsi da un trio d’eccezione come la leggenda del noise giapponese Masami Akita, meglio conosciuto come Merzbow, il sassofonista svedese Mats Gustafsson (Fire!Orchestra) e il batterista ungherese Balázs Pándi? Il loro nuovo album “Cuts Open”, pubblicato su RareNoise Records, li vede di nuovo a fianco, dopo il loro debutto nel 2013 con il dirompente e cacofonico “Cuts”.
Il nuovo lavoro registrato allo Studio Gok di Tokio mette in scena paesaggi sonori carichi di tensione e pronti a deflagrare in catartiche implosioni rumoriste. Quattro lunghi brani all’insegna di una libera improvvisazione ci trasportano in territori sconosciuti, tra atmosfere ansiogene e deserti industriali che fanno da sfondo a una visione futura cupamente distopica, pronta a ripregarsi come uno schiaccciasassi sul presente e sul nostro vissuto quotidiano.

L’album mostra sin dal primo brano, “I Went Down To Brother”, il lato più apparentemente calmo e introverso di Merzbow, che qui crea una sorta di nebbia elettronica su cui innervare i graffi metallici e i ritmi sghembi di un batterista e percussionista eclettico come Pándi. Ad animare il tutto interviene l’inquieto sax baritono di Gustafsson che sembra ergersi come una pianta rampicante in mezzo a rovine apocalittiche di cemento armato. L'artista svedese è alle prese anche con flauto, percussioni e improvisazioni elettroniche.
Gli evocativi e criptici titoli delle tracce sono stati scelti da Gustafsson e sono tratti dai libri della scrittrice svedese Karin Smirnoff. Nei due cd che compongono l’opera, si alternano momenti d’inquieta attesa - ad esempio in “And We Went Home” - a incursioni sonore in territori impervi e selvaggi, come avviene nel brano finale “He Locked The Door”.

“Cuts Open” si muove tra soggezione e timore, ma nutre anche un sincero slancio creativo di forze sonore capaci di ritrovare connessioni ed energie nuove per affrontare i momenti difficili che stiamo attraversando.

(01/10/2020)



  • Tracklist
  1. I Went Down To Brother
  2. And We Went Home
  3. We Went Up With Mother
  4. He Locked The Door
Merzbow, Mats Gustafsson, Balázs Pándi on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.