Bones Owens

Bones Owens

2021 (Thirty Tigers) | rock-blues, country, pop

Che i dispacci d’agenzia parlino di debutto la dice lunga riguardo al profilo artistico di Bones Owens (vero nome Caleb Owens), chitarrista già autore di un Ep nel 2014 (“Hurt No One”) e di altri due timidi mini-album non proprio fortunati, “Make Me No King” del 2017 e “Keep It Close”del 2018: un sessionman dotato e abbastanza noto nei circuiti ma ancora in cerca di un'identità da solista.

All’età di sei anni Caleb Owens ha cominciato a strimpellare il piano (proviene da una famiglia di musicisti), tre anni dopo ha imbracciato la chitarra, fondando la sua prima e unica band nel 2004, The Arlington; un contratto con la Emi e una lunga carriera di chitarrista al soldo di band di rilievo (tra gli altri Bon Jovi e Yelawolf) completano il cerchio. Il nome in rilievo sulla copertina e un’immagine dell’artista, con l’ormai inseparabile cappello dietro il quale continua a nascondersi, sono il biglietto da visita di “Bones Owens”.

Ennesimo tentativo di raccogliere un po’ di quella visibilità finora negata alle sue precedenti opere, l’album è senza alcun dubbio il più solido e convincente del chitarrista, il quale mette a frutto gli anni di gavetta per un progetto quasi autobiografico. In queste dodici canzoni, c’è tutto il mondo del musicista americano: i grintosi riff rock’n’roll di “Lightning Strike”, le voluttuosità rock-blues che agitano ”White Lines”, l’energia dei primi Rolling Stones nell’incisiva “Good Day”, un tocco di southern-rock nella sapiente “Ain’t Nobody”, residui di soul music anni 70 nel garage-pop di “Wave” e perfino un pizzico di britpop nella grintosa “Keep It Close“.
Con destrezza e consumata professionalità, Bones Owens dissemina un potente assolo in “When I Think About Love”, nonché una classica rock-ballad da manuale come “Blind Eyes”, esautorando così i cliché di genere.

Spesso sono percepibili alcune affinità con i Black Keys, anche se va detto che a Bones Owens manca il tocco geniale di Dan Auerbach, ma senza dubbio brani quali “Come My Way”, “Keep On Running” e “Tell Me” non faticheranno nel trovare un posto in qualche playlist, anche grazie all’energica e ben definita produzione di Paul Moak (già alla console per The Blind Boys Of Alabama, Joy Williams e Marc Broussard), che inietta la giusta dose di adrenalina a un set di canzoni tanto prevedibile quanto piacevole.

(10/06/2021)

  • Tracklist
  1. Lightning Strike
  2. Good Day
  3. White Lines
  4. When I Think About Love
  5. Wave
  6. Blind Eyes
  7. Keep It Close
  8. Ain’t Nobody
  9. Come My Way
  10. Country Man
  11. Tell Me
  12. Keep On Running




Bones Owens on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.