Brian Woodbury

Antipathy & Ideology

2021 (Rer Megacorp) | alt-pop

Il mio primo approccio con la musica di Brian Woodbury risale al 1992, all’epoca del secondo album dell'artista americano, “Brian Woodbury And His Popular Music Group“. Diciannove bozzetti di pop music colta e poco ordinaria, un campionario di melodie memorabili da far invidia a Guided By Voices, Xtc, They Might Be Giants, Elvis Costello, e arrangiamenti degni di Van Dyke Parks e Martin Newell.
La frammentarietà della produzione successiva ha comunque stimolato la mia curiosità, ben ripagata non solo dalle successive esternazioni pop di “Brian Woodbury Songbook” ma anche dal sorprendente “Variety Orchestra del 2004, un esuberante mix di Duke Ellington e Frank Zappa, che oltre a confermare una stravagante scrittura, metteva in luce l’enorme conoscenza dei segreti più reconditi dell’arte sonora.

Non stupisce che Woodbury abbia scritto musiche per programmi televisivi per bambini, commedie e musical. L’agilità delle sue risoluzioni stilistiche è sorprendente, volendo carpire una terminologia più in uso per la musica rock, è possibile definire la sua musica pop in opposition.
“Antipathy & Ideology” è il terzo volume di un progetto intitolato “Anthems & Antithets”, e segna il ritorno discografico dopo 5 anni d’assenza. Un'incredibile mole di composizioni, ben 70 nei tre capitoli pubblicati finora, che ancora una volta sorprende per la qualità delle canzoni e l’erudita messa in opera. Il solo elenco dei musicisti coinvolti è sufficiente per comprendere la caratura di questo raro gioiellino di pop sbilenco, canzoni da cabaret per sola voce e fisarmonica (“Shut Up And Listen”), giri di blues alla Andy Partridge (“Get Out Of Your Car”), romanticherie a base di violino, chitarra acustica e melodie alla Todd Rundgren (“Why Can't It Be Like It Was?”) e pop’n’roll alla maniera del primo Joe Jackson (“Guns And Ammo”).

“Antipathy & Ideology” è un pozzo senza fine di idee e sorprese: l’intreccio vocale alla Beach Boys di “Beware Of Famous People”, la raffinata enfasi melodica alla Burt Bacharach di “While Supplies Last”, il profumo tex-mex di “Welcome To America”, la gigioneria country di “Jury Duty”, il brio hippie-folk di “The South Will Rise Again, Again” e quell’ingegnosità che i They Might Be Giants hanno smarrito da tempo (“We Can't Breathe”, “Good Cop/Bad Cop”).
In verità, bastano le prime note di “Next Time I See You” per essere catapultati in un universo parallelo al mondo del pop, una realtà dove puoi incontrare Robert Wyatt che si diverte con dissonanze e coretti femminili nel depistare l’esotica rumba di “Lucy, I'm Home”, Barry Manilow in cerca di riscatto (“Better”), Matthew Sweet in versione rock’n’roll (“If It Ain't Broke, Break It” e “Good Cop/Bad Cop”), gli Xtc che giocano a fare i punk-popper come ai tempi di “White Music” (“Poor Landlord”), Randy Newman che finalmente trova il coraggio di pubblicare il seguito di “Short People” (lo straordinario boogie-pop di “Small Penis”) e perfino Van Dyke Parks in preda ai fumi dell’alcol (“Beware Of Famous People” e “The Law Of Attraction”).

I riferimenti possono sembrare eccessivi e fuorvianti, ma Brian Woodbury a tutta questa materia organica applica metodologie di decostruzione e scomposizione alquanto originali; le canzoni sono come scarabocchi, ricchi di accordi svogliati, i quali per magia mettono in moto melodie memorabili il cui fine non è celebrare l’arte del songwriting ma svelarne la natura ironica, giocosa e a tratti destabilizzante.
“Antipathy & Ideology” è un’autentica gemma pop che gli amanti di Xtc e affini non devono assolutamente farsi sfuggire.

(19/02/2021)



  • Tracklist
  1. Next Time I See You 
  2. While Supplies Last 
  3. We Can't Breathe 
  4. Better 
  5. Get Out Of Your Car 
  6. Welcome To America 
  7. Why Can't It Be Like It Was? 
  8. Jury Duty
  9. If It Ain't Broke, Break It 
  10. Good Cop/Bad Cop Feat. Eric Schwartz 
  11. Lucy, I'm Home 
  12. Shut Up And Listen
  13. Poor Landlord 
  14. I Oppose The Troops 
  15. Guns And Ammo 
  16. Beware Of Famous People 
  17. The Law Of Attraction 
  18. The South Will Rise Again, Again
  19. Small Penis 
  20. Save The World






Brian Woodbury on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.