Danheim

Domadagr

2021 (Ballista Records) | nordic ritual folk

Il musicista danese Mike Olsen torna con un nuovo album, intitolato "Domadagr". A un anno di distanza dall’ottimo “Skapanir”, il progetto Danheim si evolve sempre di più. La sua è una musica rituale di stampo “archeofuturista” capace di tenere assieme elettronica e suggestioni folk nordiche.
In omaggio alla propria terra, l’artista di Copenaghen realizza un lavoro dedicato al Ragnarǫk, la battaglia finale tra le forze della luce e dell’ordine e quelle delle tenebre e del caos. Da questo violento conflitto, sorta di “giorni del destino” (in danese arcaico “Domadagr”) il cosmo norreno verrà distrutto e rigenerato, nuovi dèi cammineranno sulla terra e inizierà un nuovo ciclo di battaglie, vita e morte.

Le ritmiche costruite da Olsen appaiono ben costruite, in primo piano sin dalla bella title track, esse accompagnano il mantra della sua voce distorta. Ponendosi sulla scia di un neo-tribalismo alla Heilung, Danheim riesce a costruire una sorta di musica da rave per sopravvissuti a un cataclisma. È il caso dei brani realizzati con la collaborazione del conterraneo Heldom, come l’ottima “Skaldhakker”, la versione estesa di “Undergang” (brano già apparso in precedenza), e “Runamal”. Quest’ultima è una traccia dedicata all’alfabeto runico Futhark e all’uso delle rune per guarire il corpo e lo spirito.
Anche in “Einherjar” si punta su bassi e tamburi di guerra. È la colonna sonora perfetta per furiose battaglie all’ultimo sangue. Segue l’affascinante “Runar”, il cui testo proviene dallo Sigerdrivamål (in norvegese: Sigrdrífumál) un poema eroico presente nell’Edda antica, conosciuto anche con il nome di Brynhildarljóð.

Nell’album, sciamanesimo nordico e antiche influenze celtiche convivono. Queste ultime appaiono soprattutto nel brano “Gall Goídil” che racconta di quando i vichinghi si stabilirono in Irlanda e in Scozia adottando e influenzando la cultura gaelica.
Non mancano momenti più melodici, struggenti ed epici, come nel caso della bella “Grima”, intrisa di spirito bellico vichingo, il cui nome deriva dall’antico norreno GrímR, ovvero l’elmo indossato in guerra.

La musica di Danheim è una rielaborazione contemporanea di antiche suggestioni sonore e culturali. Il suo Nordic Ritual Folk cerca di (ri)attualizzare la spiritualità nordica, i suoi valori arcaici, in una visione pienamente contemporanea. Tale visione, a tratti necessariamente futurista e post-distopica visti i tempi che viviamo, è atta a costruire un nuovo inizio, in linea con un’identità indoeuropea tutta da riscoprire. “Domadagr” è l’ennesimo passo nella creazione di un sound personale e coinvolgente, capace di far evolvere il genere verso nuove titaniche vette: una colonna sonora perfetta per le alte sfide che ci attendono.

(10/08/2021)

  • Tracklist
  1. Domadagr
  2. Danheim & Heldom – Skaldhakker
  3. Einherjar
  4. Runar
  5. Gall Goídil
  6. Danheim & Heldom – Runamal
  7. Grima
  8. Hamingja
  9. Skylda
  10. Ysa
  11. Undergang (Extended)
  12. Gudemørket
  13. Havkrydser




Danheim su OndaRock
Recensioni

DANHEIM

Skapanir

(2020 - Ballista Records)
L'artista danese Mike Schæfer Olsen alle prese con la sua creatura ritual folk elettronica



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.