ENHYPEN

Dimension: Dilemma

2021 (Belift / Genie) | k-pop, dance-pop, drum'n'bass

Altro giro, altra corsa, ché anche a costo di esplodere l'ingorda macchina del k-pop, con i numeri in costante aumento, non ha di certo intenzione di fermarsi proprio adesso. E così, volti nuovi si affacciano a velocità sempre più frenetica, al rischio di livellare le proposte a una medietà né carne né pesce. Non che ci si debba aspettare da questo universo i grandi testamenti artistici, fa comunque piacere vedere come il management degli ENHYPEN, settetto che ha debuttato giusto lo scorso anno, abbia deciso di fornire al gruppo un abito sonoro e un'estetica già riconoscibili rispetto a quelli dei diretti competitori, nel modo in cui vira verso netti territori elettronici e smorza gli appetiti hip-hop, propri invece sia di superstar come BTS e EXO, che anche del ben più numeroso collettivo NCT. Una proposta che già si era espressa dignitosamente nei due Ep circolati gli scorsi mesi, e che in "Dimension: Dilemma", primo album per il gruppo (per quanto non raggiunga neanche i venticinque minuti di durata), ribadisce la sua essenza, virando verso marcature electro/drum'n'bass ancora più decise. C'è tanto da ripulire e perfezionare, ma se il milione di copie abbondantemente superato dal disco indica una cosa, è che il successo già ride ai sette e non si fermerà proprio adesso: tanto vale cogliere la palla al balzo e scavare una nicchia ancora più evidente.

Il canovaccio di base comunque c'è: se è anche vero che il melodismo spesso non trascende i cliché del genere, e trasmette un'euforia che forse dieci anni fa avrebbe trovato il suo contesto ideale (i tratteggi segmentati, in scia Edm, di "Go Big Or Go Home" avrebbero potuto tranquillamente inserirsi nei primi album dei Super Junior), dal punto di vista sonoro l'album sa giocarsi le sue cartucce, costruire delle basi solide con cui poter dire la propria.
Se gli accenni jungle che toccano l'intro possono sembrare soltanto un divertissement come tanti altri, basta che arrivi l'adrenalinica "Blockbuster" (in compagnia di Yeonjun dei TXT, a tutti gli effetti l'evoluzione dei BTS) per far capire quanto ci sia una convinta adesione al sound, un adattamento sincero, rock, dell'estetica Y2K. E non finisce qui: sempre sulla scia di un'attitudine spigliata, grintosa, l'altro singolo "Tamed-Dashed" lascia condurre il gioco a una dirompente linea di basso, prima che i fraseggi melodici esplodano in uno dei refrain più vitali del 2021.

I sette ragazzi poi si divincolano tra più delicati midtempo r&b (la spaziosità tinta di electro di "Upper Side Dreamin'") e tentano, anche con qualche ingenuità di troppo, la strada di momenti pop-rock più diretti ("Attention, Please!" e il suo melodismo caracollante). Un calderone che ribolle, ancora comprensibilmente privo di un baricentro specifico, ma che lascia intuire le potenzialità necessarie per arrivare a un progetto di assoluta personalità. E chi lo sa, magari la drum'n'bass potrebbe essere davvero il viatico giusto!

(25/11/2021)

  • Tracklist
  1. Intro: Whiteout
  2. Tamed-Dashed
  3. Upper Side Dreamin'
  4. Just A Little Bit
  5. Go Big Or Go Home
  6. Blockbuster
  7. Attention, Please!
  8. Interlude: Question


ENHYPEN on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.