Nick Rhodes & Wendy Bevan

Astronomia IV - The Eclipses Of Algol

2021 (Tape Modern) | soundtrack, experimental

Wendy Bevan, per chi non lo sapesse, è un'artista multimediale londinese col pallino di Polaroid e violino, che vive ormai da parecchio tempo a Los Angeles. Nick Rhodes, invece, non ha bisogno di presentazioni, visto che a fine ottobre con "Future Past" ha appena brindato ai primi quarant'anni della sua sensazionale carriera come tastierista dei Duran Duran.

A differenza di moltissimi dei loro colleghi, durante il lockdown non se ne sono rimasti certo con le mani in mano, approfittando anzi del maggior tempo a disposizione per trasformare la semi-reclusione in un idillio di altissimo ingegno creativo. Dall'incontro tra i due è nato un ambizioso progetto a nome "Astronomia", in tutto cinquantadue equinozi e solstizi strumentali che rielaborano una personale visione dell'Universo dove nulla è lasciato al caso. Cinquantadue sono infatti, giorno più giorno meno, le settimane che compongono un anno, così il 2021 di Nick Rhodes e Wendy Bevan è stato scandito, calendario alla mano, da quattro opere gemelle di tredici pièce ciascuna.

"Astronomia I - The Fall Of Saturn" ha debuttato il 20 marzo in concomitanza col primo cambio di stagione, seguito il 21 giugno dal secondo capitolo della saga "Astronomia II - The Rise Of Lyra" e infine il 22 settembre scorso dal terzo "Astronomia III - Heaven And Hell In The Serpent's Tail". Adesso questo "Astronomia IV - The Eclipses Of Algol", distribuito a partire dal 21 dicembre tramite l'etichetta Modern Tapes di proprietà dello stesso Rhodes e dell'amico di lunga data Stephen Duffy (nel 1978 è stato per qualche mese il primo mitico cantante dei Duran Duran) chiude il cerchio su un diario sonoro fortemente espressivo, dove drone, sacra, ambient e sperimentazione si dissolvono in un arazzo minimalista dalla corporatura esile come gli spazi interstellari. Un'allegoria elettronica dei nostri tempi, fantasiosa e ispirata, nella consapevolezza che non esiste nulla di più meraviglioso e smisurato del Cosmo: per questo i titoli di molte tracce attingono oltre che dalla scienza ("Blazkho Effect", "Cassiopeia" e "XI Persei") anche dalla mitologia ("Banquets Of The Black Widows", "The Sorrows Of Medusa").

Rispetto ai precedenti episodi (illustrati allo scoccare del settimo giorno da un supporto visuale apposito) siamo al cospetto di un lavoro più orchestrale e robusto ("Spectre's Head", "Occulted By The Moon"), che amplia lo spettro totale del concept attraverso dinamiche teatrali e una passionalità sinora inedite. L'ouverture "Transcending" apre la scaletta con melodia vocale eterea e ultraterrena, che scava a fondo nelle emozioni umane alla ricerca della quinta dimensione, quindi il cinematico impalpabile "Double Drift Theory" (è un'illusione ottica sul moto diagonale), "The Algol Paradox" (sull'evoluzione delle stelle binarie) e "The Blazkho Effect" (prende il nome dello scienziato moscovita che ne osservò le variazioni di periodo) sondano le possibilità dell'esistenza al di fuori del pianeta. Infine, ecco "Rainfall Of Diamonds", "Fifth Star Of The Mausoleum" e "Beyond The Wall Of Sleep", che traduce in note un romanzo del 1919 del saggista statunitense Howard Phillips Lovecraft.

L'idea originaria del 2018 era creare musiche al microscopio per un album solista di Wendy Bevan, l'amore comune per psichedelia e spiritualità, Brian Eno e Jean Cocteau, Philip Glass e i corpi celesti lo hanno trasformato in un'autentica enciclopedia del sapere.
Imperdibile, come una scia luminosa lunga esattamente 365 giorni, o 366 se l'anno è bisestile.

(31/12/2021)

  • Tracklist
  1. Transcending
  2. Blazkho Effect
  3. Spectre's Head
  4. The Sorrows Of Medusa
  5. Double Drift Theory
  6. Rainfall Of Diamonds
  7. Fifth Star Of The Mausoleum
  8. Xi Persei
  9. Banquets Of The Black Widows
  10. Beyond The Wall Of Sleep
  11. Cassiopeia
  12. The Algol Paradox
  13. Occulted By The Moon


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.