Tarotplane

Horizontology

2021 (12th Isle) | elettronica, kraut, ambient, techno

Il musicista di Baltimora PJ Dorsey è ormai un veterano del circuito alternative, da anni sotto il nome di Tarotplane insegue la personale chimera di una sintesi tra la musica cosmica tedesca, la trance psichedelica e l'elettronica underground americana.
Ogni suo disco è come Giano bifronte, uno sguardo in simultanea al passato e al presente.
Tecnica e ambientazioni elettroniche dei primi anni 70, convivono con la moderna vitalità dei dj-set e della techno. La fedele Stratocaster accompagna il musicista nelle elaborate e oniriche stratificazioni di synth, che radamente accarezzano crepuscolari  tonalità progressive ("Shatner's Bassoon").

Da onnivoro della cultura musicale anni 70, il musicista ha coltivato un'attenzione ai dettagli strumentali e alle tecniche di registrazione utilizzate da artisti come Syd Barrett, Robert Fripp, Daevid Allen, Manuel Göttsching, Conny Plank, senza mai perdere di vista un'identità sonora che rendesse personale e originale il progetto Tarotplane.
Il nuovo disco apre le porte al sognante post-rock dei Seefeel nella vaporosa "Panther Walk" e alla minimal techno nel borbottio ritmico dell'esotica "Ritual Believer". La reinvenzione della cosmic music tedesca passa anche attraverso le maglie dei Tangerine Dream di "Phaedra" nella fluente e cristallina "Ceramic Heartbreak".
Questo avviene nella prima facciata del disco, concepito con lo stesso rigore delle vecchie produzioni discografiche, mentre la seconda facciata è una suite, un unico corpo articolato in quattro movimenti, una scelta che sottolinea il tono più ambizioso di questa nuova opera di Tarotplane.

L'ombra dei Popul Vuh di "Aguirre" si aggira indisturbata, mentre lussuose scenografie, ricche di riverberi elettronici e chitarristici, lasciano filtrare grandi quantità di assolo pronti a trasformarsi in loop per successive escursioni nella psichedelia più organica.
Nei diciannove minuti di "Light Under Water/The Rescheduled Dream Delivery Service/ Malaysian Forest/A Tiny Coven" si alternano euforia armonica a base di arpeggi a estatici landscape, il suono dei synth e delle chitarre diventa un unicum, mentre effetti mai oltre misura illuminano le dense ed evocative citazioni del musicista americano.

Pubblicato dalla scozzese 12th Isle, "Horizontology" è l'opera più completa di Tarotplane, un disco che riesce a superare brillantemente la sensazione di deja-vu che potrebbe inficiarne la resa, grazie all'instancabile e versatile vena creativa del musicista americano.

(30/05/2021)

  • Tracklist
  1. Shatner's Bassoon
  2. Panther Walk
  3. Ritual Believer
  4. Ceramic Heartbreak
  5. Light Under Water
  6. The Rescheduled Dream Delivery Service
  7. Malaysian Forest
  8. A Tiny Coven




Tarotplane on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.