Alice Glass

PREY//IV

2022 (Misery Labs) | hyperpop, elettropop

Il più grande equivoco nel valutare il primo album da solista di Alice Glass sarebbe quello di inquadrarlo nel filone witch house. Sebbene il titolo suggerisca una continuità con il percorso dei Crystal Castles, il disco si muove, con deliberata malagrazia, sull’orizzonte sfilacciato di un hyperpop un po’ datato, tant’è che i brani collegabili al passato della cantante si riducono a "The Hunted" e "Fair Game". Ed è proprio quest’ultima canzone a ricordarci che ciò che stiamo ascoltando non è la mis en place musicale del diario di un’adolescente in pieno fermento emotivo, come il patetismo dei testi potrebbe spesso fare intendere, bensì un concept-album sulle relazioni abusive. Nel 2017 Glass aveva infatti raccontato gli abusi, mentali e fisici, che l’ex-compagno di band Ethan Kath avrebbe perpetrato nei suoi confronti sin da quando aveva 15 anni.   

Vicissitudini traumatiche che in “PREY//IV” trovano sbocco talora in forma di bubblegum pop in salsa elettronica (“Suffer And Swallow", il singolo "Love Is Violence"), più raramente rincorrendo pitch altissimi e deliranti e spunti post-industrial (“The Hunted”) o addirittura scivolando in territori eurodance (“Baby Teeth”).
Ci sono poi momenti particolarmente melodici, come “I Trusted You” e, soprattutto, il singolo “Everybody Else”, che riecheggia la Melanie Martinez di “Cry Baby”. 

Grazie a “PREY//IV”, l’autrice canadese sveste il ruolo di preda e incarna quello di predatrice, in un gioco febbrile di catarsi e decadenza morbosa ma, eccezion fatta per qualche bella intuizione qua e là, i momenti realmente abrasivi scarseggiano e la produzione, ad opera di Jupiter Keyes, risulta piatta e anacronistica.
Più che “traumacore” (definizione coniata dalla stessa Alice), "PREY//IV" suona, purtroppo, come un disco di elettro-goth liofilizzato.

(16/03/2022)

  • Tracklist
  1. Prey
  2. Pinned Beneath Limbs
  3. Love Is Violence
  4. Baby Teeth
  5. Everybody Else
  6. The Hunted
  7. Fair Game
  8. Witch Hunt
  9. Suffer and Swallow
  10. Suffer in Peace
  11. Animosity
  12. I Trusted You
  13. Sorrow Ends


Alice Glass su OndaRock
Recensioni

ALICE GLASS

Alice Glass

(2017 - Loma Vista)
Primo Ep solista per l'ex-voce dei Crystal Castles, commistione di spunti electropop e post-industrial ..

Alice Glass on web