Dewaere

What Is Pop Music Anyway?

2022 (A Tant Rŕver Du Roi) | pop-punk

Non temete: Franck Richard (batteria), Marc Aumont (basso), Julien Henry (chitarra) e Maxwell Farrington (voce) non hanno alcun responso certo al quesito posto dal titolo del loro nuovo album.

La formazione di Saint Brieuc (Francia), dopo un graffiante esordio noise-rock, "Slot Logic", scende a patti con la formula pop con il solo scopo di offrire un eterogeneo e stimolante set di canzoni dal robusto impatto sonoro e non prive di soluzioni ardite.
Il risultato è intrigante e a tratti sfuggente. Brani dal tono epico da rock-stadium come "My Shangri-Laaa" si alternano senza pudore a geniali e colte intuizioni folk-pop ("Satellite") e scariche adrenaliniche in perfetto stile pop-punk ("Taiwan, Ireland And Japan").
Nessuna nuova, buona nuova: solo undici canzoni alle quali dedicare un fugace ma piacevole ascolto, apprezzando le velleità garage-pop della saltellante "Clink And Cluster", la provocazione rock'n'roll-punk di "Burning Desire" e, perché no, anche le notturne atmosfere alla Nick Cave/Saints dell'ebbra ballata "Voilà Now You're Old".

"What Is Pop Music Anyway?" è un album concepito con l'intento di mettere insieme un discreto repertorio per le future esibizioni live. L'irruenza di "Bricks" e le frivole asprezze di "Make It In The Morning (Shake It In The Night!)" sono senza dubbio idonee alle dieci regole del pogo.
I Dewaere forse non hanno risposte, ma offrono quantomeno qualche buon argomento di discussione. Non molto in un anno ricco di effervescenze pop-rock, ma anche l'onestà e la sobrietà a volte hanno una loro ragione d'essere.

(26/09/2022)

  • Tracklist
  1. My Shangri-Laaa
  2. Clink And Cluster
  3. Voilà Now You're Old
  4. The Pretty One
  5. Make It In The Morning (Shake It In The Night!)
  6. Satellite
  7. Bricks
  8. Taiwan, Ireland And Japan
  9. Replay
  10. Burning Desire
  11. Everybody Wants One Now


su OndaRock
Dewaere sul web