Front 242

Rewind

2022 (Alfa Matrix) | ebm, techno

È di pochi giorni fa la notizia di un nuovo tour europeo dei Front 242, questa volta in compagnia dei Nitzer Ebb. Molto probabilmente, la leggendaria formazione Ebm riproporrà dei brani inediti come già accaduto mesi fa in alcune date, una manciata di composizioni che ancora oggi attendono una pubblicazione ufficiale (l’ultima fatica in studio dei Front 242 risale addirittura al 2003!).
Durante questi ultimi due decenni, l’Alfa Matrix, però, non ha fatto altro che rimpolpare la discografia dei belgi con una lunga serie di dischi live e di remix album, per la gioia (chiamiamola così) di qualche collezionista da spennare. A tal proposito, il dodici pollici in esame (uscito in edizione limitata a 666 copie) è già sold-out: viste le premesse, o ci si accontenta dell’acquisto in digitale, oppure è possibile rivolgersi a chi si è già accaparrato più copie del disco, per poi rivendersele al triplo del prezzo sulle piattaforme online.

 

“Rewind” è un Ep che può contare su quattro brani storici remixati da altrettanti artisti della scena techno-Ebm internazionale. I primi due non hanno bisogno di presentazioni: se il guru Terence Fixmer rilegge il classico “No Shuffle” in maniera più muscolare (tuttavia con poche variazioni sul tema), la palma del miglior remix spetta comunque a The Hacker, qui impegnato con una raffinata versione di “Don’t Crash” (senza snaturare la spina dorsale del pezzo, il musicista di Grenoble riesce a smussarne le ruvide spigolature originarie, in favore di un sound più moderno ed elegante).
Il discorso cambia nel lato B del lavoro, dove troviamo ben due rivisitazioni di “Take One”. I norvegesi Kant Kino strappano la sufficienza con un remix senza infamia e senza lode (si tratta di ordinaria Electro body music aggiornata ai giorni nostri), mentre Radical G (ovvero Glenn Keteleer, anch’egli belga come i Front 242) lascia ricordi più vividi, abbracciando un midtempo dall’andamento ipnotico.

Per Jean-Luc De Meyer e soci, “Rewind” rappresenta dunque l’ennesima apprezzabile ma non indispensabile appendice di una carriera fulminante, un percorso che durante gli 80’s ha contribuito alla crescita e alla consacrazione di un intero movimento (il termine Electro body music fu coniato proprio da loro nel lontano 1984). Ecco perché questi quattro remix aggiungono ben poco alla bellezza primigenia dei brani originali.

(27/06/2022)

  • Tracklist
  1. No Shuffle (Terence Fixmer Remix)
  2. Don’t Crash (The Hacker Remix)
  3. Take One (Kant Kino Remix)
  4. Take One (Radical G Remix)
Front 242 su OndaRock
Recensioni

FRONT 242

Front By Front

(1988 - Red Rhino Europe)
L'album più rappresentativo dell'Electronic Body Music anni 80, tra distopia ed edonismo ..

Front 242 on web