Jacob Bryant

Bar Stool Preacher

2022 (Thirty Tigers) | country-rock, pop

A tre anni di distanza dall'esordio, il musicista americano tenta di capitalizzare il successo ottenuto in madrepatria e in Inghilterra, con l'album "Practice What I Preach", progetto ristampato nel 2021 in una versione deluxe con quattro brani in più per il mercato europeo.

Copertina e titolo dell'album ripropongono il fortunato binomio, una preghiera e un bicchiere di whiskey, nonché l'ostentata natura da outlaw-singer di Jacob Bryant.
Purtroppo le premesse sono istantaneamente smentite da un set di canzoni tanto ordinario quanto prevedibile. Bryant applica il manuale del buon country-pop-singer alzando il volume delle chitarre e forzando l'enfasi posticcia degli arrangiamenti, mettendo in sequenza una tal serie di banalità liriche e armoniche da determinare una certa nostalgia per la musica Fm anni 80.
"Bar Stool Preacher" è il classico disco suonato e cantato come Dio comanda ("Can't Say No To You"), pulito e carino quanto basta per convincere i fan del country-rock di bocca buona ("Things That Hurt"), velatamente ribelle da strappare qualche sorriso, ma anche molta rabbia ("Amen").

Jacob Bryant è costantemente indeciso tra il fascino della tradizione, il brio honky-tonk di "Well Whiskey (Discount Cigarettes)" e lo shuffle di "Ain't Gonna Happen Today", e la contaminazione rock e soul ("The Bottom" e "Baptized By The River"), senza mai centrare l'obiettivo. "Bar Stool Preacher" è una grossa delusione per chi aveva intravisto qualche buona intuizione nell'album di tre anni fa, un disco da archiviare in fretta senza se e senza ma.

(10/04/2022)

  • Tracklist
  1. Well Whiskey (Discount Cigarettes)
  2. The Bottom (Raise Em Up)
  3. Can't Say No To You
  4. Baptized By The Rive
  5. Things That Hurt
  6. Can't Take An Angel To Hell
  7. Good Ol' Boy (UK Rock Mix)
  8. Devil & An Old Six Strin
  9. Buzzards
  10. Ain't Gonna Happen Today
  11. Heartbeat
  12. Wash It Down
  13. Amen




Jacob Bryant on web