Lebenswelt

Unspoken Words

2022 (OuZeL/Under My Bed) | slowcore, minimalism, post-rock

Saper rallentare i battiti, dilatando tempi e spazi, aprendo così varchi temporali attraverso cui sbirciare realtà altre è un'arte difficile da maneggiare, ma non solo: è anche arte troppo sottovalutata, che risulta sempre di scarso interesse ma che aiuterebbe non poco ad affrontare meglio la frenesia della contemporaneità.
Giampaolo Loffredo lo sa bene, è uno dei pochi che persegue quest'arte con passione e arriva con il sesto tassello della discografia della sua sigla, Lebenswelt, a destreggiarsi in questa oscura disciplina sempre più compiutamente.

Dopo l'intro strumentale di "A Short History Of Decay, Pt. 1", "Unspoken Words" si sviluppa soavemente attraverso balli lenti e riconcilianti come "Keep On Dancing", la cui coda prettamente shoegaze sventaglia campanelli tintinnanti e costituisce il momento più energico del lavoro, ma anche la languida e romantica "That Day" o la più misteriosa "Somehow", dipinta su dilatati arpeggi spagnoleggianti.
Chitarre distillate col contagocce e pianoforti di velluto si fondono naturalmente su basi sintetiche e minimali lasciando che ogni pezzo del puzzle emerga al momento opportuno, come gli accordi acustici che contraddistinguono "Gone", o i rintocchi sui tasti di "Come Back Again", che anche grazie alle fantasmatiche voci filtrate sullo sfondo dipinge paesaggi che rimandano ai Sigur Rós.
L'oscuramento dei cieli incarnato dalla minacciosa "Shade Of The Water" è il contraltare a tanta dolcezza estatica, mentre la title track si fa connubio perfetto delle varie emozioni racchiuse nel disco e spicca per un'azzeccata melodia vagamente radioheadiana.

Il minimalismo ambient di "A Short History Of Decay, Pt. 2" chiude l'ennesimo ottimo lavoro di Lebenswelt, artista ormai affermato del nostro panorama underground che ha l'incredibile capacità di rapire a ogni uscita senza mai cambiare forzatamente la formula di astrattismo slowcore che porta avanti da quasi vent'anni, ma impreziosendola ogni volta con dettagli o canzoni che ci aiutano a riprendere fiato.

(06/05/2022)

  • Tracklist
  1. A Short History Of Decay, Pt. 1
  2. Keep On Dancing
  3. That Day
  4. Somehow
  5. Gone
  6. Come Back Again
  7. Shade Of The Water
  8. Crawling
  9. Unspoken Words
  10. A Short History Of Decay, Pt. 2


Lebenswelt su OndaRock
Recensioni

LEBENSWELT

Metaphysics Of Entropy

(2018 - Under My Bed)
Il nostalgico slowcore di Giampaolo Loffredo si tinge di nuove sfumature

LEBENSWELT

Shallow Nothingness In Molten Skies

(2016 - Under My Bed Recordings)
Nostalgia, contemplazione, folk e slowcore nell'avvincente ritorno di Giampaolo Loffredo

Lebenswelt on web