Portulaca

Per il dolore, per la felicitÓ

2022 (Inner Animal Recordings) | folk

Torneran gli inverni e il mare non si può fermare, io non ritornerò
(Giulia, Lucio e me)
Si parte per esperienze nuove, per viaggi senza confini di sorta e non si sa se si riuscirà, se si vorrà, tornare al punto di partenza. Si è certi però che l'obbiettivo non sarà una metà precisa, bensì gli incontri sulla strada.
I membri dei Portulaca di viaggi ne hanno fatti parecchi nelle rispettive carriere prima di questo progetto: Valerio Casini e Gabriele Bogi con i loro Bad Love Experience, esperienza che valse loro una candidatura ai David di Donatello, mentre Michele Adorni giunge da territori ancora più distanti come quelli della scena punk livornese. I tre però non sembrano voler smettere di sorprendere innanzitutto loro stessi e si lanciano in questa avventura alla ricerca della semplicità folk delle tradizioni che partono dalla loro Livorno per arrivare alle immense distese statunitensi.
 
I panorami a cavallo dei mari saranno mozzafiato come la corsa di “Vedo blu” e la danza di “Nel buio”, che vedono i nostri far tappa sulle coste dell’Isola Smeralda sospinti dal vento in poppa dei violini, ma è evidente che anche le vicine terre d’Albione siano fonte di ispirazione, con l’attacco melodico e ritmico di “Giulia, Lucio e me” che deve più di qualcosa a “Get Back” e ai Fab Four.
Il sogno americano non sembra però troppo lontano, dato che già si avverte qualche retrogusto del vecchio west nelle slide guitar che impreziosiscono questo inizio e in particolare la delicata e sognante “Vola”, che prefigura i paesaggi sconfinati che da lì a poco saranno esplorati. Ed ecco che “Quando te ne andrai”, allora, si spalanca su territori country e “Misty Blue” si veste di purissima Americana.
 
In tutto questo peregrinare per il mondo è normale sentire ogni tanto nostalgia di casa, ma i Portulaca non dimenticano mai davvero da dove sono partiti e compongono melodie leggere alla Rino Gaetano, del quale pare di sentire spesso anche il timbro vocale, come nella toccante title track, uno degli higlight del disco, e in “L’amore cos’è”, che sin dal titolo richiama i canzonieri classici dello Stivale.
“Una per l’anniversario” chiude questo primo scorcio di diario di viaggio cercando di riassumere tutto ciò che di buono i Portulaca hanno sfornato in questi loro primi 34 minuti di musica, fondendo mandolini, violini, slide guitar e addirittura una suggestiva fisarmonica in un delizioso commiato strumentale.
Il nuovo percorso dei tre livornesi inizia quindi nel migliore dei modi e non sembra trovare frontiere invalicabili come ci dicono loro stessi.
Sempre sarò in mezzo a questo oceano
(Vola)

(15/06/2022)

  • Tracklist
  1. Vedo blu
  2. Giulia, Lucio e me
  3. Nel Buio
  4. Vola
  5. Quando te ne andrai
  6. Come se
  7. Per il dolore, per la felicità
  8. Misty Blue
  9. L'amore che cos'è
  10. Una per l'anniversario
Portulaca on web