Principe Valiente

Barricades

2022 (Metropolis) | post-punk, darkwave

Insieme ai Then Comes Silence e ai più celebri ed eclettici Viagra Boys, i Principe Valiente continuano a tenere in alto il vessillo della scena post-punk di Stoccolma. Questo quartetto è partito da molto lontano, avendo cominciato a produrre musica già nel 2007: il salto di qualità è tuttavia arrivato soltanto con il terzo album “Oceans” (2017), un disco nel quale la band è stata definitivamente acclamata come un intrigante ibrido tra sonorità alternative, darkwave e shoegaze.

Oggi, nel giro di cinque anni, dall’idea sconfinata degli oceani tempestosi siamo passati alle tristi barricate della pandemia. Non a caso, l’intero lavoro è nato dall’esperienza individuale di ogni singolo elemento del gruppo, senza alcuna registrazione condivisa in studio. È lo stesso titolo del disco a proiettarci nel cuore di una dimensione più intima e solitaria, uno stato mentale che ritroviamo anche nell’immagine presente sulla busta interna in cui è contenuto il vinile (una donna è stesa immobile sul letto, a fianco a lei una finestra spalancata sul mondo).

Accanto ad alcune valide sferzate post-punk (“So Much More” o la gotica e impetuosa “I Am You”), l’album trova i suoi momenti migliori soprattutto nei passaggi maggiormente introspettivi, come nella magica “Porcelain”, un brano baciato dalla più straziante carica malinconica (c’è tanta aria di nostalgia tra queste note, come se le atmosfere sospese degli M83 incontrassero quelle dei Cure più sognanti). In effetti, sono proprio le tastiere di Rebecka Johansson una delle armi più efficaci contenute in “Barricades” (molto bene anche la title track e “Tears In Different Colors”), quasi a voler sottolineare l’indole puramente darkwave del progetto.

I Principe Valiente confermano dunque di attraversare un ottimo periodo della loro carriera, anche se in futuro non sono da escludere ulteriori passi in avanti: le vocals profonde e sensuali di Fernando Honorato possono ancora migliorare, in attesa di sfruttare con maggior enfasi il supporto della voce femminile, qui utilizzata con il contagocce in almeno in tre-quattro occasioni. Nel frattempo, ci godiamo questi dieci pregevoli movimenti. C’è bellezza, tra le barricate.

(27/04/2022)

  • Tracklist
  1. Barricades
  2. So Much More    
  3. Porcelain   
  4. I Am You  
  5. Tears In Different Colors        
  6. When We Can't Let Go
  7. Never Change
  8. The Beating Of Your Heart
  9. The Impossibles
  10. This Buried Love


Principe Valiente on web