Bear Ghost

Jiminy

2023 (autoprodotto)
prog-rock, nerd

I Bear Ghost provengono dall’Arizona e sono un trio davvero eccentrico, capace di fondere in un unico calderone musical, rock pomposo tra Queen e Muse, deliri strumentali tra i Mars Volta e i Black Midi, una passione per i riff al confine del metal, strutture elaborate prog al limite del cartoonesco. Difficile definirli, ma di sicuro i Bear Ghost sono nerd all'ennesima potenza (cosa che loro stessi sottolineano), ovviamente nel senso buono del termine, che sottintende una passione smodata per la cultura pop, che viene centrifugata e sviscerata, con una voce che è una via di mezzo tra Freddie Mercury, Matthew Bellamy e Dexter Holland e si mescola a cori vaudeville e riff decisi quasi à-la Petrucci.

Tutto bizzarro e a tratti incredibile. Loro sembrano divertirsi come matti a suonare e stupire il pubblico, e questo è evidente. Brani come “Heavy News” o “Peas & Love” (gioco di parole) mostrano un’ironia e una tecnica che raramente si ritrovano insieme e che potrebbero piacere sia agli appassionati della musica prog che a un pubblico mainstream. Più si ascolta l’album e maggiore è l'impressione di trovarsi di fronte ai Mars Volta in azione per i film della Walt Disney o ai Black Midi in fissa con i cartoni animati.

Nonostante l’originalità, a volte però l'impressione è che il trio si pavoneggi fin troppo della sua tecnica, proponendo stilemi simili minuto dopo minuto. Anche se la varietà è garantita, la base di chitarra e batteria rimane infatti simile a sé stessa, dando l’impressione che i cambi di registro siano più superficiali che reali.
Ad ogni modo, una band giovane da seguire con interesse nei prossimi anni.

04/12/2023

Tracklist

  1. After Me, The Flood
  2. Heavy News
  3. Peas & Love
  4. Sirens
  5. Rivers Is A Vampire (feat Dan E.T.)
  6. Big Town Banky Blaine's Rockabilly BBQ
  7. Bark Skinpson
  8. The Mario Cliché
  9. When I'm Dead
  10. Vulture


Bear Ghost sul web