Leo Pari

Amundsen

2023 (Neverending Mina/ Ada Music Italia) | it-pop, songwriter

L'“Hotel Califano” (2018) e le “Stelle Forever” (2021) sono alle spalle e Leo Pari si fa accompagnare in un nuovo viaggio da “Amundsen”. A differenza dell'esploratore norvegese, il musicista romano preferisce sondare i sentimenti umani, intrecciando un sound caldo e intimo. Da sempre attivo nelle collaborazioni con gli artisti della scena romana e non, Pari riesce a ritagliarsi lo spazio per un nuovo capitolo di una discografia inaugurata nel 2006, in cui domina l’introspezione.

 

L’arpeggio lieve e sognante della title track sostiene la ricerca interiore del compositore. Un percorso dell’anima che, una volta sfumati gli archi di “Amundsen”, conduce nelle lande ghiacciate alla metropolitana “Roma Est”. Ma il malessere è sempre lo stesso:

Quando i pensieri diventano sogni
E i sogni poi diventano canzoni
E le canzoni diventano lacrime
Quando siamo soli

E non può mancare il topos centrale della produzione di Pari, ovvero l’amore. Accompagnate da una vena pop che rende la mezz’ora d’ascolto leggera e godibile, ecco avvicendarsi la bella “Dormi”, “Poi sei arrivata tu” e “Giorni No”, quest'ultima definita dall'autore stesso una piccola medicina contro i periodi neri.

I numi tutelari ci sono, come l’eco di Antonello Venditti in “Un anno freddo” dedicata al padre (“Batte un cuore nel cuore di Roma Sud”). Ma con questo disco e con il precedente, Pari ha ormai stabilito le proprie coordinate, con la vocazione più spaccona e sintetica in secondo piano e il cantato perfettamente riconoscibile. “Amundsen” è il mondo di Leo Pari oggi: la porta per entrare è aperta.

(11/03/2023)

  • Tracklist
  1. Amundsen
  2. Roma est
  3. Dormi
  4. Giorni no
  5. Un anno freddo
  6. Ultima scena
  7. Freezer
  8. Poi sei arrivata tu
  9. Il suono della città
  10. Fenice
Leo Pari su OndaRock
Recensioni

LEO PARI

Hotel Califano

(2018 - Foolica)
Il cantautore romano si mette sulla scia del sodale Tommaso Paradiso

Leo Pari sul web