Ibibio Sound Machine

Pull The Rope

2024 (Merge)
afro synth-pop, electro-afrobeat

A dieci anni di distanza dall'esordio, il collettivo anglo-nigeriano non sembra aver perso né freschezza né volontà di mettersi in gioco. Con l'album "Electricity" Eno Williams e Max Grundhard hanno codificato lo stile degli Ibibio Sound Machine, varcando quei confini della commistione fra afrobeat ed elettronica messi a punto con "Uyai", nonché semplificati con eleganti trame pop nel pur meno incisivo "Doko Mien".

"Pull The Rope" gode di questa coerente e sempre più dinamica formula sonora, conciliando l'urgenza delle istanze dance con lo spessore delle tematiche dei testi, che preservano il gruppo dalla prevedibilità e dalla routine. Per il nuovo album la band ha scelto di spostarsi in quel di Sheffield e di affidarsi all'abile produzione di Ross Orton (Working Men's Club, The Fall, Arctic Monkeys, MIA). Le ossature ritmiche afrobeat e funk vengono catapultate in una dimensione electro-futuristica da moderno dance-club, la musica assume sembianze e colori quasi glaciali, mentre la voce di Eno Williams emerge come non mai.

La title track apre le danze con influenze no-wave, post-punk ed elettro-funk che tolgono il fiato. Esotiche e ipnotiche, le trame world e funky di "Got To Be Who U Are" elevano notevolmente il tasso emotivo con una delle pagine più coinvolgenti della band.
L'emancipazione femminile resta argomento centrale di molte canzoni. In "Mama Say", Eno Williams riscatta anche le proprie origini, conciliando non solo l'inglese con un'ancestrale lingua nigeriana, ma contaminando il groove afro-funk con un'elettronica made in Sheffield dai potenti richiami agli Human League. Il risultato è un potente brano dance destinato a future, roboanti versioni remix.
Identiche istanze sociali sono affidate alle più disinvolte trasgressioni world-electro-funk di "Let My Yes Be Yes" e ai martellanti e originali impulsi elettro-trance di "Dance In The Rain".

Con "Pull The Rope" gli Ibibio Sound Machine mettono a punto le ottime intuizioni di "Electricity", tirando a lucido voce e ritmi elettronici senza timore di cedere al mainstream, anzi dominandolo con un'autorevolezza, una lucidità e una modernità che mancavano alla dance music dai tempi di Grace Jones ("Fire").
In quest'ottica, brani come lo splendido afro-disco "Far Away" e il frizzante afro-funk alla Tom Tom Club di "Political Incorrect" meritano istantaneamente un posto nella playlist dell'anno in corso, mentre il romantico deja-vu di "Touch The Ceiling" nel rievocare le grazie di "Only You" degli Yazoo pone ulteriormente l'accento sulla nuova identità del collettivo anglo-nigeriano.

"Pull The Rope" è per gli Ibibio Sound Machine un sostanziale punto d'arrivo, un album che rinsalda il legame con il passato ma apre nuove frontiere per il futuro della band afro-dance-beat.

18/06/2024

Tracklist

  1. Pull The Rope
  2. Got To Be Who U Are
  3. Fire
  4. Them Say
  5. Political Incorrect
  6. Mama Say
  7. Let My Yes Be Yes
  8. Touch The Ceiling
  9. Far Away
  10. Dance In The Rain




Ibibio Sound Machine sul web