Groove Armada

Love Box

2003 (Zomba) | chill-out

Hanno un grande nome, i Groove Armada. Peccato che le loro produzioni non siano mai state davvero all'altezza delle aspettative, fatta eccezione per qualche singoletto azzeccato ("My friend", lanciato dallo spot di una nota marca automobilistica). L'album "Lovebox" non alza il livello, configurandosi addirittura come un lavoro ancor più scialbo e dispensabile dei tre precedenti (quattro, contando un'antologia di remix). È un "chill-out" di basso profilo, buono per la comicità crassa di Boldi & De Sica o per gli stacchetti a tutto derriere delle veline di "Striscia la notizia". Undici brani da cassonetto differenziato, una parata di virtuosismi vocali e mielosità stucchevoli (tra gli ospiti figurano Neneh Cherry e la vecchia lenza Richie Havens) per un effetto complessivo pericolosamente vicino ai confetti lassativi del dottor Moby.

È (visceralmente) imbarazzante ascoltare il brutto singolo "Purple Haze". Lo spirito di Hendrix non abita nei chitarroni pacchiani di questa paccottiglia che, per fortuna, non mira a omaggiare il grande musicista nero in veste di cover ultra-trash , limitando l'affronto all'impegnativo titolo. Mancando un disegno, un'impronta significativa, "Lovebox" peggiora man mano che si procede nell'ascolto: "Remember" e "Think twice" non hanno colore, spengono sul nascere il piacere di riascoltare la voce della Cherry dopo un lungo periodo di assenza (è diventata mamma, si concede come guest di lusso, ha archiviato i trascorsi con i Rip, Rig & Panic). "Madder" fa cascare le braccia. "Easy" è il tipico pezzo house che spacca nelle chart del Sud Tirolo: con qualche litro di grappa in corpore, le gambe si sciolgono, il gusto vi abbandona e non è difficile ritrovarsi ad ancheggiare in pista sperando di concludere la serata tra le braccia del maestro di sci che di sicuro avrà riconosciuto il campionamento di Cerrone (ce l'ha come suoneria sul cellulare GprsMMS).

Si scopiazza dagli ultimi della classe (Fatboy Slim), si insulta in blocco la black music (dal rap al reggae al soul/r'n'b trip-hoppizzato) in una spirale negativa che non conosce picchi felici. Quasi sessanta minuti di vuoto immemorabile. I Groove Armada suonano musica acquistabile in offerta speciale negli autogrill sparsi sull'Autostrada del Sole. In confronto, Mike Francis era un dio.

(27/10/2006)

  • Tracklist

1 Purple Haze
2 Groove Is On
3 Remember
4 Madder
5 Think Twice
6 The Final Shakedown
7 Be Careful What You Say
8 Hands Of Time
9 Tuning In
10 Easy
11 Love box
12 But I Feel Good

Groove Armada su OndaRock
Recensioni

GROOVE ARMADA

Black Light

(2010 - Work It!)
Svolta rock per l'elettronica dei due dj inglesi

Groove Armada on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.