Meg

Meg

2004 (Multiformis / Bmg Ricordi) | pop

Maria è cambiata, e ha avuto molto coraggio per voltare pagina, o forse certe idee le ha sempre avuto in mente. Ha deciso di fare da sola, Maria Di Donna, meglio conosciuta come Meg. È cresciuta e ha messo da parte i furori politici giovanili con la 99 Posse, e dopo qualche breve esperienza tra teatro e musica con il progetto Nous (insieme a Marco Messina) ha dato luce a un album che rispecchia la sua femminilità, con i colori del Mediterraneo e la voglia di raccontare un mondo "realmente favolistico".
Napoli è un golfo a forma di cuore, le parole volano tanto leggere quanto pronte ad affondare nella carne, Meg si trasforma in terra, grano e aria. È un viaggio attraverso gli occhi di Maria, contagioso e particolare come la sua voce. Sono 11 favolette, undici piccoli racconti che scoprono ogni volta uno scorcio di questo mondo, ci parlano di lei, dei suoi pensieri.

Il disco esce in autunno, e sono tante le foglie che cadono nel cambiamento tra la Meg che cercava tempo (e tempo non ce n'era), e quella attuale.
Le atmosfere ciondolano tra i beat elettronici di "Sopravvivi", il giocattoloso intro di "Puzzle", i vocalizzi abbracciati dagli archi di "Simbiosi" ed "Elementa", fino ai richiami jazzy di "Invisibile Ink", venature pop attraversano le canzoni senza mai annoiare, grazie anche all'uso sempre vario degli strumenti, siano essi artificiali o percussioni tradizionali della canzone napoletana.
Un disco dalle sonorità poliglotte, accenti bristoliani si confondono con cadenze meridionali, attraversando anche il mare e finendo per parlare arabo. Maria si destreggia con agilità tra i generi, all'occorrenza ruggendo con classe oppure lasciandosi andare in canzoni dolci e squillanti.

Il disco si presenta al pubblico anticipato dal fortunato singolo "Simbiosi". Un rincorrersi di archi, leggere percussioni e arpa, un arrangiamento straordinariamente leggero sostiene questa canzone, fresca come un mattino di primavera, solare e luminoso (anche se il video non è un granché) . Ed è un'ottima entrata in scena per Maria: cantabile e di facile fruizione, ma capace di catturare e coinvolgere con classe.
Ma l'episodio migliore dell'avventura prima di Meg è sicuramente "Puzzle", lungo happening elettromeridionale intarsiato di suoni alla Mario Bros, viaggio probabilmente "extrasensoriale" che la nostra Maria deve aver compiuto pensando a Napoli ("Dall'alto il golfo a forma di cuore, ammiro rapita la mia città natale, qui il paradosso è cosa normale"). L'elettronica da il via a questa costruzione, il gioco prende il via scomposto, guidati dal canto si sorvola la città, una Meg attenta osserva e immagina, ispeziona e si ispeziona cercando di trattenersi nella realtà. Ed esordiscono i fiati, ci si immerge nel cuore di una Napoli sublimata nella sua follia e vivacità, si attraversano strade, vicoli e piazze in un "vortice claustrofobico, lisergico e incomprensibile". C'è una luce che abbaglia mentre ci si tuffa verso una conclusione maledettamente teatrale.

Dopo questo affascinante uno-due, il livello cala leggermente, ma non mancano piccole sorprese (il tropicalismo di "Senza Paura", dove fa capolino la voce di Elio). La soluzione finale purtroppo non brilla per originalità, le ombre björkiane si affacciano spesso più o meno incisivamente (il ritornello di "Parole Alate", uno dei brani più deboli), facendo perdere qualche punto a un album che ha dalla sua due pregi fondamentali: la capacità di unire con leggerezza il gusto melodico tradizionale mediterraneo con un uso raffinato dell'elettronica ("Audioricordi", vincente brano con echi arabeggianti), e in secondo luogo, è un prodotto cantautoriale italiano che esula dagli schemi tipici nazionali, che non cerca di conquistare a suon di distorsioni o voli da soprano, andando a porsi in quel limbo elettro-strumentale dove Björk ha fatto scuola.

Manca la zampata definitiva e vincente, ma l'opera prima di Meg lascia una piacevole sensazione di rilassamento e, cosa forse più importante, lascia le basi per un seguito di carriera ancora più interessante. Cosa che i critici della 99 Posse non avrebbero mai detto, soprattutto per i testi, che nell'album di Meg sono spesso ricercati e limpidi, e vivono di luce propria.

(12/12/2006)

  • Tracklist
  1. Olio su tela
  2. Simbiosi
  3. Puzzle
  4. Parole alate
  5. Sopravvivi
  6. Audioricordi
  7. Senza paura (Is What I'll Use)
  8. Invisible Ink
  9. Elementa
  10. Notte bianca
  11. Regno d'acqua
Meg su OndaRock
Recensioni

MEG

Psychodelice

(2008 - Multiformis/ Self)
Il ritorno della cantante napoletana ex-99 Posse

Meg on web