Nina Nastasia

Dogs

2004 (Touch And Go / Wide) | folk-rock

Ascoltare un disco piacevole è sempre una cosa per cui vale la pena svegliarsi cinque minuti prima; a maggior ragione se in un mese tanto intirizzito come questo gennaio brumoso e quasi tirato via. Cadono come gocce le note stilizzate da questa autrice americana votata al quasi anonimato, schiva come poche, erede e testimone di un folk-writing apparentemente sempre sull'orlo del passatismo, ma tenacemente sempre in grado di riproporsi con effetto, istrionico come i talentuosi - non sempre, per la verità - autori/interpreti chiamati a farsi messaggeri per noi avidi ascoltatori. E tra color che stan sospesi, indecisi se cedere alla tentazione di involgersi completamente su se stessi o gridare la pena che hanno in corpo, un posto di spessore lo occupa Nina Nastasia, che mentre correva l'anno del grande botto, ossia il 2000, esordiva con l'album "Dogs", recentemente ristampato da Touch and Go/Wide. Merito all'etichetta dunque, che ci permette di colmare una lacuna musicale dovuta alla scarsissima tiratura dell'esordio, uscito (e subito diventato rarità) per la Socialist Records.

Disco leggero, nel senso di vellutato, che tuttavia si tiene ben lontano da certe esagerazioni cantautoriale di cui oggidì si riempiono i banchi dei venditori di musica. Nina se la cava bene con una voce che lascia sempre l'impressione di averla già ascoltata da qualche parte, neanche fosse un marchio di fabbrica di chi, americana, si volge alla professione di cantastorie. O forse a causa dell'altro marchio, quello dell'ascoltatore che cerca sempre di scovare, per far vedere di aver capito un disco, i giusti accostamenti, gli opportuni riferimenti, le inequivocabili filiazioni. Magari in un altro mondo musicale, peggiore o migliore di questo, le cose andrebbero diversamente, ma in questa terra di note nessuno prescinde dall' humus culturale (musicale in questo caso) in cui è cresciuto e, vuoi per tacito omaggio, vuoi per ineluttabile sedimentazione, infarcisce di citazioni il proprio lavoro. Così fa Nina, che tuttavia appare abile nel filtrare tale retroterra e rielaborarlo grazie alla propria sensibilità di ragazza scarna nei lineamenti e nell'arte, tesa e dura come chi si prepara ad andare a chiudersi in camerino e lì, finalmente, sfogarsi col pianto negatosi sul palco.

C'è una sorta di primo gruppo: i tre brani iniziali, che ci introducono nella dimensione più cantilenante dell'autrice. Minimale, ci si presenta il suo fare musica; cadenzato, accennato e ridondante come una vecchia filastrocca che ti viene in mente di intonare mentre passeggi in mezzo ai campi, rivedendo il volto rugoso di una nonna che a te la cantava e che ora non c'è più. Evidente, questo, soprattutto in "Dear Rose" e in "Oblivion". "Judy's In The Sandbox" fa quasi da trait d'union con quanto verrà dopo.

A una prima parte abbondante, in cui ricorre la medesima atmosfera, pare accostarsi un cambiamento d'umore e di suono. Non più aggressivo, ma meno intimo sì. Si sentono gli archi, in un modo che non t'aspetteresti, e il brano si spegne con un'ossessiva quanto sgraziato balbettio vocale. E ciò preannuncia "Underground", il pezzo che forse più occhieggia al rock e che lascia l'impressione di ascoltare qualcuno che, pur volendo contenersi, non vi riesca e cede ad attimi di sfogo a lungo sopiti. I campi ci sono ancora, ma forse da ovest sale qualche nuvola. E Nina l'acquieta col sogno.

"Dogs", pezzo intenso e visionario, malinconico e nostalgico di una vita diversa. Musicalmente completo e simile al precedente, testimone d'una poetica quasi bucolica. Questi due brani fanno in modo che Nina, tornando a richiudersi in sé con "A Love Song", abbia perduto l'innocenza e la tranquillità dell'inizio del disco.
Permane una forte immaginazione, così anche nella successiva, struggente "Stormy Weather", venata di pessimismo e in "Smiley", quasi un dialogo interiore dell'autrice, che stavolta pare voler distruggere da dentro la cantilena che, nel bene e nel male, sempre l'ha accompagnata. Tanto che nei due brani successivi ("Roadkill" e "Nobody Knew Her") pare urlare tale nuova situazione eversiva: "I'm Feeling Myself Against The Ground" e "I Want To Get Out Of Here".

Non si discostano le ultime tracce da quanto detto finora. La spinta visionaria rimane, seppur non sempre vivida. Paiono bozzetti aggiunti, incollati, per cavalcare l'onda (ipotesi negativa) o per effettivo bisogno (ipotesi positiva). La voce, comunque, continua a piacere e certa malinconia non ne vuol sapere di staccarsi di dosso ad ogni ascolto, e, colpetto dopo colpetto, ti entra dentro. Ma è come dice Nina, chiudendo il disco: "I know it's important to feel justified, I know you thought everything would be much easier".

(12/12/2006)

  • Tracklist

1. Dear Rose
2. Oblivion
3. Judy's in the sandbox
4. Underground
5. A dog's life
6. A love song
7. Stormy weather
8. Smiley
9. Roadkill
10. Nobody knew her
11. Too much in between
12. Jimmy's rose tattoo
13. The long walk
14. All your life
15. 4 yrs

Nina Nastasia su OndaRock
Recensioni

NINA NASTASIA

Outlaster

(2010 - Fat Cat Records)
Sesto lavoro per la folksinger californiana, con Steve Albini confermato in veste di produttore

NINA NASTASIA

On Leaving

(2006 - Fat Cat / Wide)
Torna il delicato songwriting dell'autrice di "Dogs"

NINA NASTASIA

The Blackened Air

(2002 - Touch & Go)

Nina Nastasia on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.