Mitchell Akiyama

Small Explosions That Are Yours To Keep

2005 (Sub Rosa) | glitch

Scomposizioni sonore per attimi silenziosi. Sfasciamento robotico per un complesso di macchine sferraglianti. Strappi laceranti d'una lama affilata. Distruzione timbrica e decomposizione sonica. Mitchell Akiyama è un compositore d'eccezione. I suoi dischi sono mistici e nascosti, piccoli e preziosi, sotterranei e misteriosi. Dal progetto Désormais, al duo Dakca fino ad arrivare a Avia Gardner. Una miriade di pseudonimi in cui riesce a esprimere appieno la sua ispirazione.

Questo disco è magico, appartato, continuamente veniamo punzecchiati da deliranti contorni sonori, stuzzicati da ricami impercettibili, contrappunti minuscoli.
"Strategies For Combatting Invisibility" è continuo andare e venire d'un ritmo indeciso, sconclusionato, dubbioso. S'intrecciano archi, campanellini, click and cuts, linee eteree, disfacimenti d'un mondo lontanissimo. Una colonna sonora per una macchina in via di distruzione, le cui immagini riflesse sono disturbate e incomprensibili.

"But Promise Me" è un contrabbasso che lascia note laceranti, roboanti schizofrenie notturne. Battiti di mano campionati, acusticità deformata, scampoli di disturbante piacevolezza. Un andamento intimo, caloroso, inestimabile. Ambientazione per una stanza solitaria e leggermente illuminata da una lampada antichissima.
"Full Then Felt" è un turbine di pulviscoli glitch, immersi in un abisso infinito, oscuro, rimbombante strisciare d'un marea di anime. Una fisarmonica ricama tratteggi fragorosi, corde vengono pizzicate, si ripetono accordi puri, precisi. Adattamento sonoro per un pomeriggio scuro, un salotto solitario, solo la musica che satura lo spazio, emozioni a scatti, sensazioni intercambiabili.

"Your Distance Kept" è una landa sconfinata. Una chitarra sembra suonare a migliaia di chilometri dalle nostre orecchie, intromissioni estranee imbastardiscono note già di per sé contaminate, un drone è una serpentina che s'inserisce in ogni interstizio immaginabile, picchi di volume sono un tritasassi in azione. "Through Fall And Flicker" è un piccolo giochino concettuale in cui rumori concreti vengono spappolati, scomposti, spezzati. Cinguettii d'uccellini impreziosiscono il paesaggio.

La title track è un pezzo d'eccezione. Un jazz trasfigurato e ammorbante. Scintillante starnazzare d'un tripudio di strumenti a fiato, luccicante sibilare d'una sporcizia sonora astratta, pause cariche di pathos, mistico e preciso dettare d'uno xilolofono solenne. Suoni adatti ad attimi di piacevole intensità, momenti di pura stasi. "Suggestions For Walking Alone" è un piccolo bozzetto in cui confluiscono una fantasia irrefrenabile, il saper cesellare istanti di pura staticità, dipingere atmosfere pregiate e introvabili. "Contrapuntal Lung Apparatus" è una marcetta in cui il ritmo è scomposto e deteriorato, enfatizzato e represso. Strimpellare gioioso, sfuggenti loop, percussioni minimali, centrifuga interstellare lucente e abbagliante.

"Overhead Then Exit" è ancora uno sprofondare intenso e progressivo in un mondo a sé stante. Incostante schiamazzare di strumenti a corda, scomposizioni, sovente, sovrappongono note aleatorie e casuali, distinte e confuse. Ambient per cuoricini meccanici, innamorati di suoni errati. "With Her Shadow Cast In Doubt" è il pezzo più normale. Ancora strumenti a fiato, chitarre, piano, percussioni variegate, contribuiscono a creare un marasma sonoro d'avvolgente compiutezza. Pochissime manipolazioni digitali, soltanto un animo classicheggiante che rimane a mezz'aria, lasciandoci impietriti.
Conclude "Ghost Storms" con un piglio molto minimale, a bassa fedeltà, volutamente sommesso. Storie scritte con mano ferma e decisa, contornate da un'aura sonora macabra, in un bosco di cipressi, giganteschi massi agli angoli, foglie sparse in ogni piccolo spazio restante.

Un disco poliedrico e mai ripetitivo. Vario, inestimabile, pregno di innovazione. Mitchell Akiyama si conferma come figura di punta dell'elettronica glitch, anche alla luce dell'ultimo (splendido) disco con il progetto Désormais.
  • Tracklist
  1. Strategies For Combatting Invisibility
  2. But Promise Me
  3. Full Then Felt
  4. Your Distance Kept
  5. Through Fall And Flicker
  6. Small Explosions That Are Yours To Keep
  7. Suggestions For Walking Alone
  8. Contrapuntal Lung Apparatus
  9. Overhead Then Exit
  10. With Her Shadow Cast In Doubt
  11. Ghost Storms
Mitchell Akiyama on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.