Aoki Takamasa + Tujiko Noriko

28

2005 (Fat Cat Records/Wide) | glitch-pop

Due fanciulli giapponesi si incontrano, ricoprono lo spazio di estraneità. Aoki Takamasa e Tujiko Noriko si uniscono in un sodalizio inatteso.
Il primo rimane una immagine indelebile per l'elettronica giapponese (mondiale?). Album come "Silicom", "Quantum" e l'ultimo (splendido) "Simply Funk" danno il via libera a soluzioni infinite, imprevedibili, attraenti. Il gusto solare dell'anima dagli occhi a mandorla. La seconda tanto tenera nelle apparenze esteriori quanto spigolosa e puntigliosa nella sua musica. Unire il cantato giapponese femminile (in generale alquanto amabile) con l'uso di deformazioni meccaniche, per ottenere un risultato di forma canzone alterato. "From Tokyo To Naiagara" il suo album migliore. Celestiale è dir poco. La sapienza tecnologica jappo unita a una dolcezza innata. Questo album è il risultato di oltre tre anni di collaborazione sudata e difficoltosa, arrivata alla formazione di un piacevole connubio tra campionamenti vocali femminili, accostamenti puri e gelidi, scorrevoli texture, puntigliosi interventi de-umanizzati, tocchi dolorosi e piacevoli allo stesso tempo.

Aoki e Tujiko iniziano a lavorare nel 2002 nel contesto dell'evento "The Cartier Foundation" a Parigi. Cominciano a parlare, scambiarsi impressioni, immaginare scampoli sonori già prima di conoscersi. Compongono "Fly 2" e apprezzano il modo di lavorare l'uno dell'altro. Continuano e decidono di fare sul serio. Un album lungo, in definitiva. Come detto poc'anzi, la loro unione professionale è stata difficoltosa. Lui risiede stabilmente a Osaka e lei, invece, s'è fatta sedurre dall'estetica irresistibile di Parigi. Lavorano a lunga distanza, si spediscono materiale, vaneggiano un futuro, catturano suoni, sorridono, guardano il solito sole e la solita luna a migliaia di chilometri di distanza. Questa lontananza porta, inevitabilmente, a un periodo molto lungo di gestazione. Periodo che viene, parzialmente, accorciato dal trasferimento (nel 2003) di Aoki a Parigi.

"28" ha la sinuosità del disco magico. Ci apprestiamo a entrare in un mondo sconosciuto e oscuro. Immagini sgranate, suoni irraggiungibili, orizzonti indefinibili, sensazioni aliene. Muoversi sembra impossibile. Immobilità forzata e al contempo sognata. Distendersi in un prato di ortensie colorate, il cielo lontano e vicino, le foglie fruscianti scalfiscono un silenzio ammorbante.
Un contagioso loop da il là al sogno. "Fly 2" risuona nelle orecchie (ascolto consigliato con le cuffie) ed è la pace a regnare. Ovattati glitch si posano sul terreno fertile della mente come le foglie fanno d'autunno: appena staccate, planano dolcemente per terra. Tujiko inizia a profferire parole e l'atmosfera è completa. Dolcissimi contrappunti sonori proliferano come se si riproducessero a vicenda. Gioia percettiva.

Quadretto di pennel dolce dipinto in "Vinyl Words". Un tratto curvilineo, come a rappresentare i raggi riflessi del sole, è segnato dalla voce spumosa e leggiadra. Piccoli ritocchi, rappresentati dai grovigli meccanici, escono dal pennello del nostro immaginario pittore. Il vento viene raffigurato dal frequente intervento di un synth, come a dare un senso di movimento all'opera. Saltellanti animaletti vengono schizzati da una drum-machine sorniona, che fa fatica a prendere il ritmo. Con il tempo si intromette e lascia il segno. Sovrapposizioni vocali continuano ad abbozzare il cielo, le nuvole, l'aria invisibile. Sporcizia sonora dà un tocco scabroso al quadro.
Tenebrosa atmosfera introduce la successiva "When The Night Comes", cioè quando la notte sta arrivando. Arriva la notte e i toni si imbastardiscono. Le parole emanate sono avulse dal contesto, scacciate malvolentieri dal centro del tornado sonoro. Ossessionanti granelli di sabbia tappezzano il sottofondo. Un flusso interrompe la struttura iniziale. Come una folata spazza via un gruppo di giornali abbandonati ai lati di una strada buia. I toni si fanno claustrofobici, insistenti. Due note due di tastiera compongono le fondamenta. Suolo composto e strutturato su irregolarità paradisiache. Costruzione fondata su acusticità destabilizzate. Soffitto caratterizzato da culmini di volume e attimi di silenzio assoluto. Il cielo, ancora, tratteggiato dalla voce, sempre più evanescente. Cori ripetuti ciclicamente completano il tutto dando un tocco di originalità architettonica.

Soffi e schiocchi. Pulviscoli e folate. Stomp e note. L'introduzione di "Doki Doki Last Night". Fa capolino un tono vocale in crisi isterica. Solitario contrassegno di tastiera compone un drone disturbante. Tujiko in punta di piedi definisce con precisione puntigliosa ogni singolo angolo. Senza lasciare niente al caso. Uno scricchiolio quasi impercettibile sporca questi angoli con delicatezza anormale. Flemma zuccherosa ricopre l'aura di "Fly-Variation". Variazioni sul tema del volo. Stelle illustrate da irriconoscibili xilofoni, nuvole effigiate da scintillanti timbri spaziali. Le ali si muovono con leggiadria inumana e provocano spostamenti cubitali. Schianti di drum caratterizzano instabilità di quota, cenni irriconoscibili presentano lo svolazzare di arti in movimento. Il volo prosegue senza grosse difficoltà e arriva in porto con strabordante felicità e inarrivabile bellezza.

Una incalzante percussione meccanica introduce il groove contagioso di "26th Floor". Voci impaurite compongono il fondamento. Convulsioni vocali si introducono con numerose sovrapposizioni. Evidente contrasto con il tono allegro e spensierato delle parole e l'estetica scorbutica e scontrosa del sottofondo musicale. Frasi impaurite, agitazione, paura, ansia, terrore. La composizione musicale per le ore oscure di un pomeriggio piovoso giapponese al ventiseiesimo piano di un attico malfamato. Spigolosi bleep e un mare di immondizie stimolano l'apparato uditivo e lo conducono in paradiso. Pare sentire cadere la pioggia incessante.

L'episodio estraneo (si fa per dire) si configura con "Alien", che tanto aliena non è. Andamento (apparentemente) regolare e struttura più stabile rispetto alle precedenti composizioni. Solito tappeto plasmato da innumerevoli polveri stellari e una percussione finta abbozza un ritmo che si crede di essere costante. Loop frequentemente ossessionano l'atmosfera e la rendono irrespirabile. Senza speranza.
Il completamento dell'opera è affidato a quello spaccato di insofferenza sonora che è "NOLICOM". Disparati strumenti acustici vengono campionati, infiltrati e smembrati per essere (ri)inseriti successivamente, sfigurati. Un'immensità di suoni invade il pensiero e non c'è via di liberazione. Tujiko con infinitesimi timbri di voce orna e arricchisce. Fastidiose intromissioni dispettose zampettano durante lo scorrere, tenui contrappunti determinano il contorno, la voce sancisce la fine con parole strazianti.

In conclusione, uno dei migliori album di glitch-pop pubblicati negli ultimi anni, solo paragonabile ai (capo)lavori di Agf e O. Lamm. Un'opera che sembra non risentire della frenesia del mercato discografico, grazie anche alla gestazione lunga e ben architettata. Un album per occhi scintillanti, orecchie fini e animo puro.

  • Tracklist
  1. Fly 2
  2. Vinyl Words
  3. When The Night Comes
  4. Doki Doki Lat Night
  5. Fly-Variation
  6. 26th Floor
  7. Alien
  8. NOLICOM
Aoki Takamasa + Tujiko Noriko on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.