William Basinski

The Garden Of Brokenness

2006 (2062) | avantgarde

E' l'uomo che ha elevato il loop ad arte al passaggio tra due secoli, l'uomo che gli ha donato poesia immane e profonda. Flebile essenza di materia in disgregazione, estrema virulenza di suoni emanati da nastri che si accartocciano, flussi dronici maestosi nella loro decadenza, ambienti vellutati che attenuano lo spasmo percettivo effetto di ripetizioni incessanti. E' questa la musica di William Basinski, l'artista che con i suoi "Disintegration Loops" meglio di tutti ha saputo rappresentare il disfacimento della New York nell'attimo dello spettacolo che si fa vita reale e poi di nuovo arte, la New York dell'11 settembre, profezia Debordiana oltremisura, avverata da un fato progettato, chissà da chi, chissà da cosa.

"Melancholia" (anno 2003), titolo che si riferisce a un carattere essenziale della sua personalità, si serve di pianoforte, sintetizzatori e inserti d'archi che vanno a dipingere dolci bozzetti incastonati in cornici ambientali argentate. "The Garden Of Brokenness" dà proseguimento a quell'imprint, ed è nuovamente epifania di suoni concentricamente lineari, rivelatori di una policromia stilistica fuori dal comune, pur se a corollario, mai così fondamentale però, di un architettura che fa (ancora) della ripetizione snodo centrale della propria manifestazione creativa. Una linea melodica disegnata dal pianoforte è lo spunto su cui edificare la costruzione di un loop che si perpetua dolcemente per quasi 50 minuti. A esaltarne la debordante intensità esistenziale è uno stuolo di microsuoni, ronzii e polveri ambientali, che permettono alla musica di auto-rigenerarsi, impedendone una fruizione passiva.

Minuto dopo minuto il fluire ininterrotto crea un effetto ipnotico, è drug music narcotizzante, che induce una sorta di trance cosciente. Sembra di essere consapevoli dello scorrere del tempo, ma non dello spazio circostante, risucchiato in una specie di buco nero incorporeo, dove la malinconia, pur se intangibile, è l'unico referente sensoriale possibile. Avanguardia che non emette sentenze, ma sussurra dolci parole, per affascinare la mente e suggestionare il cuore.

(17/12/2006)

  • Tracklist
  1. The Garden of Brokenness
William Basinski su OndaRock
Recensioni

WILLIAM BASINSKI

On Time Out Of Time

(2019 - Temporary Residence)
Il maestro dell'ambient contemporanea rielabora le onde sonore di due buchi neri collisi 1,3 miliardi ..

WILLIAM BASINSKI

A Shadow In Time

(2017 - 2062 / Temporary Residence)
Un tributo non scontato all'icona David Bowie, a un anno dalla sua scomparsa

WILLIAM BASINSKI

Cascade

(2015 - 2062)
Quaranta minuti di estasi per loop circolari

WILLIAM BASINSKI & RICHARD CHARTIER

Aurora Liminalis

(2013 - Line)
L'attesa seconda fatica congiunta dei due fuoriclasse statunitensi

WILLIAM BASINSKI

Nocturnes

(2013 - 2062)
Il tempo "eternizzato" nella nuova opera della vecchia volpe del tape

WILLIAM BASINSKI

92982

(2009 - 2062)
Il suono di una notte di ventisette anni fa a Brooklyn

WILLIAM BASINSKI

El Camino Real

(2007 - 2062)
Nuovo "recupero" dall'archivio segreto del poeta dei loop

WILLIAM BASINSKI

The Disintegration Loops

(2002 - 2062)
Dalle ceneri del World Trade Center sorge un'elegia per l'umanità: è il requiem del ventunesimo ..

News
Live Report
William Basinski on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.