Neko Case

Fox Confessor Brings The Flood

2006 (Anti) | alt-country

Neko Case è una ragazza originaria della Virginia, che, dopo aver vissuto la sua adolescenza a Tacoma (Washington), decide di mollare la famiglia e partire per Vancouver. Lì inizia, nel '94, la sua carriera di musicista, che le ha permesso di incontrare Carl Newman (allora leader dei Zumpano), col quale pochi anni dopo darà vita al progetto New Pornographers. La Case, nel frattempo, ha portato avanti un discorso solista parallelo che suona ben differente dal supergruppo indie: il suo disco d'esordio, "The Virginia" (in realtà intestato a Neko Case & Her Boyfriends!), del 1997, è immerso nella tradizione country, di cui si diverte a rileggere con passione alcuni classici. E' il suo trampolino di lancio, che frutta bene. Seguiranno altri quattro dischi solisti e la collaborazione con la band surf-country The Sadies, con i Calexico e con Howe Gelb, che suoneranno in quello che sinora era il suo ultimo disco di studio, "Blacklisted", del 2002.

Per il nuovo "Fox Confessor Brings the Flood" la formazione schierata ricalca la summenzionata. Le armi principali della Case sono due: a) la voce, sublime, potente, ariosa, profonda, capace di passare dal timbro sbarazzino (nei New Pornographers) a quello evocativo (quando canta country), dotata di grande varietà di registri eppure naturalissima, un vero e proprio dono divino. b) La capacità di scrittura, immediata, melodica eppure mai banale, accorata ed incisiva. Non a caso i brani più belli di questo "Fox Confessor" sono quelli più liberi ed aperti, in cui voce e melodia hanno più spazio per dipanarsi ed evolversi. Parliamo di "Star Witness", retta da un semplice, ma perfetto, passo di batteria e chitarre scandite, in cui la Case è sirena che ammalia e seduce, mostrando grandissima personalità di interprete e sfruttando controcori celestiali con sapienza; e di "Maybe Sparrow", figlia di un'esecuzione profondamente sentita e aggressiva, stesa su violini dolenti.

L'altro valore aggiunto del disco sono i musicisti, esemplari nel loro spazzolare country, nel mettere ogni nota al punto giusto, nel pennellare atmosfere diverse eppure coerenti, come in "Hold On, Hold On", country-western dall'aria tesa, in cui gli strumenti si caricano all'assalto, senza mai porsi in modo tale da offuscare la voce della Case; o come quando disegnano il notturno urbano dal mood cupo di "The Needle Has Landed", che pur si sorprende in qualche impennata melodica distesiva. Il meglio però lo offrono nel brano d'apertura, "Margaret vs. Pauline": tranquillo recital, in cui all'accompagnamento country viene affiancato un sottofondo jazzato.

Non mancano poi brani che osano maggiormente, affondando le loro radici in ambienti misteriosi e dall'andamento poco lineare, come l'epica e inquietissima title track, con un gran lavoro alle chitarre, e come "Dirty Knife" dall'incedere assassino, sottolineato dai violini. Qualità emerge poi anche dai brani di secondo piano come la rilettura del traditional "John Saw That Number", praticamente un country-rock, condotto a velocità moderatamente sostenuta e pronto a sfruttare note di piano e organo vagamente rock'n'roll; e "That Teenage Feeling", bozzetto sentimentale amoroso condotto a passo di danza.

L'avrete ormai capito: "Fox Confessor Brings the Flood" è un bel disco, ascoltatelo. Detto ciò, chiudiamo con la nota dolente. L'album, per quanti punti a favore abbia, lascia l'impressione che questi non siano stati impiegati al meglio: i brani sarebbero potuti essere sviluppati meglio e più a lungo, e nella versione definitiva non riescono a dire tutto quanto potevano, potenzialmente, offrire. In un epoca in cui ci si lamenta, a ragione, della produzione discografica sterminata e sbrodolona, una volta tanto che serviva dilungarsi non è avvenuto: un vero peccato che degrada un plausibile mezzo capolavoro a "soltanto" buono.

(31/03/2006)

  • Tracklist
1. Margaret vs Pauline
2. Star Witness
3. Hold On, Hold On
4. A Widow's Toast
5. That Teenage Feeling
6. Fox Confessor Brings the Flood
7. John Saw That Number
8. Dirty Knife
9. Lion's Jaws
10. Maybe Sparrow
11. At Last
12. The Needle Has Landed
Neko Case su OndaRock
Recensioni

NEKO CASE

Hell-On

(2018 - Anti)
Per la sua prova numero otto, Neko Case ci prova anche da produttrice

NEKO CASE

Middle Cyclone

(2009 - Anti)

L'energica performance della voce country più bella d'America

News
Neko Case on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.