Red Krayola

Introduction

2006 (DragCity) | psichedelia, avant-folk

Trent’anni di parabole e il buon Mayo Thompson non smette di stupire. Un monumento del rock tutto che continua a proporre musica bellissima, come quella contenuta in questo nuovo disco, una delle possibili introduzioni al mondo straniato e straniante dell’uomo di Houston e dei suoi collaboratori: Tom Watson (ex Slovenly) e Stephen Prina alle chitarre; Noel Kupersmith al basso e Charlie Abel alla fisarmonica. Special guest , John McEntire, qui alle prese con synth, ukulele e batteria. Che la band sia stata uno dei punti di riferimento di molto post-rock del decennio passato, non è certo una novità. Sinfonie electro, scandite con rigore sotterraneo (“L.G.F.”), impalcature folk ridotte all’osso che trepidano al suono di pulsazioni digitali (“Greasy Street”) e incanti a metà tra ambient e psichedelia astratta (“Elegy”) danno proprio il senso di una confluenza storica, ma atemporale.

Per il resto, è il solito, magnifico mondo fuori-dal-mondo (“Cruise Boat”), cullato da ballate crepuscolari (il crepitare soffuso e malinconico della fisarmonica in “Breakout” o la tensione trascendente della bellissima elegia di “When She Went Swimming”), spesso giocate sul contrasto tra elettronica avvolgente e ronzante e un pathos tutto personale, in verità “stonato” (“It Will Be Delivered”; “Puff”); oppure, ancora, trattenute in un cerchio di dolente romanticismo(“Note To Selves”).
Quando, invece, si mettono a scarnificare il blues con un istinto velenosamente schizoide, sembrano calare il Tom Waits di “Swordfishtrombones” in un universo alieno, dai contorni sfuggenti e dal respiro subliminale (“A Tale Of Two…”). Sono momenti che confermano uno stato di grazia, un’ispirazione fuori dall’ordinario, come quella che sorregge l’isteria tutta “razionale” di “Psy Ops”, corpo post-punk e anima out-edelica.

Chi ha avuto modo di assistere a uno dei loro recenti concerti, ricorderà di certo la carica quasi “punk” che Thompson, Watson e George Hurley (batterista degli indimenticabili Minutemen) hanno messo nel rileggere cavalli di battaglia vecchi e nuovi. Ebbene, quella carica non è del tutto svanita. Resta, comunque, incanalata dentro strutture che, in un gioco di luci e ombre, ne declinano l’impatto in maniera meno dirompente, come ad esempio accade in “Vexations” o nel galoppare country di “Swerving”. Davvero, non possiamo che ripeterlo: i Red Krayola si confermano tra i più grandi esponenti di un suono senza tempo, capace, oggi come oggi, di coniugare l’astrazione folk, una psichedelica tormentata e un uso disinvolto dell’elettronica, chiamata, quest’ultima, a sottolineare ulteriormente quella dimensione “avant” che da sempre è il loro marchio di fabbrica.

La disarmonia del loro mondo è qualcosa che sappiamo, in fondo, essere nostra più di quanto possiamo riuscire a immaginare. Quella disarmonia che, come in un dormiveglia senza fine, rende il vortice onirico di “Bling Bling” un connubio perfetto di realtà e sua trasfigurazione, assestando il colpo finale di un disco che giunge come l’ennesima rivelazione di un genio enorme.

(11/04/2006)

  • Tracklist
  1. Introduction
  2. Breakout
  3. Cruise Ship
  4. Note To Selves
  5. L.G.F.
  6. Tale Of Two..., A
  7. Psy Ops
  8. It Will Be (Delivered)
  9. Puff
  10. Greasy Street
  11. Vexations
  12. Elegy
  13. When She Went Swimming
  14. Swerving
  15. Bling Bling
Red Krayola on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.