Giuliano Dottori

Lucida

2007 (Ilrenonsidiverte) | songwriting

Cantautore dal piglio classicamente americano, Giuliano Dottori esordisce con un disco in cui, ma guarda un po'!, a farla da padrone è l'amore, sentimento universale che merita, come sempre, tutta l'attenzione possibile, tutta la dedizione necessaria, perché è nei suoi meandri che s'annidano tutte le nostre forze e le nostre debolezze. "Lucida" è un'opera che ha avuto un'incubazione sofferta e che oggi si presenta come un'altalenante commistione di leggerezza e pensosa malinconia, in cui la cura per gli arrangiamenti e per i testi mostrano un autore di certo capace di scrivere buonissime melodie, anche se abbiamo la sensazione che sia ancora necessario un piccolo sforzo per giungere a patti col proprio talento.

Nel frattempo, succede che il respiro barocco in tempi dispari di "Rancori e segreti" conviva con l'indie-pop abbastanza scontato di "Leggera come sai", anche se, poi, accanto ci trovi una ballata sussurrata con tanto di archi e banjo ("Ogni giorno"), il torpore chiaroscurale in odore di esistenzialismo di "Nel cuore del Vulcano" o, ancora, un'"Endorfina" che trova pure il tempo per omaggiare il Boss. Ipotesi, quindi, di un discorso a venire che potrebbe essere sicuramente più intrigante e convincente.

Intimista, ma senza mai piangersi addosso, Dottori sembra, comunque, già aver rintracciato la possibilità di una redenzione e la musica appare, così, come un veicolo sempre più importante per depurare l'anima di tormenti e inquietudini, perchè, infatti, se si scappa "solo per ritornare", se si schivano i colpi dei ricordi solo per non farsi male, è necessario avere una valvola di sfogo, un non-luogo in cui prendere dimora e farsi re senza sudditi ("Alibi"). La città, quella meglio evitarla ("Milano e io"). A parlare di speranza, però, è forse meglio essere in due; ma potrebbe bastare anche l'ombra fugace di un Nick Drake (la title track), mentre l'assenza si fa metafora di un qualcosa che sfugge. Sempre e comunque ("Come se fossi con me"). Alla fine, a pensarci bene, "è stato un po' come dimenticare" ("E' stato come").

(06/02/2007)

  • Tracklist

1. Rancori e segreti
2. Leggera come sai
3. Ogni giorno
4. Alibi
5. Nel cuore del Vulcano
6. Endorfina
7. Lucida
8. Come se fossi con me
9. Milano e io
10. E' stato come

Giuliano Dottori su OndaRock
Recensioni

GIULIANO DOTTORI

L'Arte Della Guerra Vol. 2

(2015 - Musica Distesa)
Per il Volume 2 della propria opera, Dottori si ripropone in veste meno appariscente

GIULIANO DOTTORI

L'Arte Della Guerra Vol. 1

(2014 - Musica Distesa)
Il ritorno solista del cantautore milanese è all'insegna di una grande cura degli arrangiamenti ..

GIULIANO DOTTORI

Temporali e rivoluzioni

(2009 - Via Audio Records)
Seconda opera solista densa di intimistico songwriting per il chitarrista degli Amor Fou, qui prodotto ..

News
Giuliano Dottori on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.