Pumice

Pebbles

2007 (Soft Abuse) | lo-fi, psych folk

Pebbles, ovvero ciottoli: così l’autore in questione – poiché stiamo parlando di un solista, tale Stefan Neville - decide di intitolare la sua ultima fatica, racchiudendo in un nome l’essenza di un lavoro a tratti strabiliante. Come dei ciottoli, le canzoni di questo “Pebbles” si presentano vellutate, lavorate e rifinite, nascondendo sotto i risvolti cantautorati una natura durissima e aspra, proveniente dal mondo del lo-fi più storto di origine neozelandese.

Con sprazzi di avventuroso folk psichedelico a fedeltà bassissima e una (piccola) dose di melodia, Pumice ci accompagna ad esplorare i lidi più torbidi della sua isola, dipingendo con una manciata di accordi spartani e dissonanze un paesaggio brullo e solitario, immerso nell’aridità più assoluta.
Eccolo quindi sferzarci con le dissonanze garage-rock di “Eyebath”, ammaliarci con la solennità di una “Brownbrownbrown” e con la fiaba floydiana di "Stopower" o sfigurarci con l’acido nello strumentale “Northland”.

I pezzi forti sono i brani in cui un appeal più “pop” fa breccia tra gli arrangiamenti trasandati (il capolavoro è il folk-rock "storto" à-la Neutral Milk Hotel di “Greenock”), o le lunghe nenie psichedeliche come “Spike/Spear” (11 minuti di distorsioni solenni) e “Onion Union” (strati di dissonanze, rintocchi metallici…), intervallate da siparietti acustici come “Both Beasts”.

“Pebbles” si presenta come un album sfaccettato e poliedrico, una gran prova di cantautorato alternativo che si rivela nella sua natura pura e sincera sia nei momenti più pacati che in quelli più disturbanti, sfruttando il rumore per scopi contemplativi.

(09/02/2008)

  • Tracklist
  1. Eyebath
  2. Bold/Old
  3. Brownbrownbrown
  4. Stopover
  5. Greenock
  6. Northland
  7. Spike/Spear
  8. Both Beasts
  9. The Only Doosh Worth Giving
  10. Onion Union
  11. Pipi 
Pumice su OndaRock
Recensioni

PUMICE

Puny

(2012 - Soft Abuse)
Nuove stranezze e un'inedita nostalgia nella maturità del genietto lo-fi

PUMICE

Quo

(2008 - Soft Abuse)
Lo sgangherato cantautore neozelandese con il suo disco più rock

PUMICE

Yeahnahvienna

(2006 - Soft Abuse)
Dalla Nuova Zelanda, una one-man band del malessere psichedelico