Dilaila

Ellepi

2010 (Pippola) | noir-pop

È un ritorno nel pieno rispetto dei tempi di produzione di una volta quello dei Dilaila, quasi un omaggio all’epoca d’oro dei long playing, degli anni in cui tornare in sala equivaleva esclusivamente a svuotare il cilindro colmo di idee e melodie selezionate accuratamente nel corso degli anni. Cercata, oltremodo attesa, la band milanese rientra nella maniera più consona al proprio dna musicale, allontanandosi in parte dalle disturbate frequenze rock indipendenti nostrane e dai richiami londinesi, calcando i sentieri della “musica leggera” che conta. Perché ai ragazzi della Pippola piace sentirsi proprio così, "leggeri" senza alcuna vergogna, fieri di un percorso produttivo ricco di sventagliate retrò e dischi oltremodo deliziosi, dislocati con fiuto ed eleganza nei vari ceppi musicali del Bel Paese.


Tinte noir, narrazioni vibranti, tratti melodici incisivi e marcati più che mai dall’ugola caldissima di Paola Colombo - chanteuse come non se ne vedono più in giro da eoni - incarnano l'essenza e l'audacia dei Dilaila. Se dovessimo confrontarli con qualsiasi altra band italiana odierna, sarebbe quasi grottesco dedurne le similitudini. Piuttosto, occorrerebbe scomodare le lancette dell’orologio e tornare indietro di due decadi, o forse più, fino a raggiungere la Strambelli e i Matia Bazar più introspettivi.


“Ellepì” è un disco che trasuda concitazioni interiori a iosa, dirama tenebrose prese di coscienza, il principio di una nuova armonia, indossa “maschere infantili” e si “batte come un samurai” nei complicati ingranaggi del cuore, senza ricorrere a stratagemmi di contorno o artifizi produttivi. In tal senso, la band mostra un’accuratezza strumentale dei dettagli a tratti sopraffina. I percorsi e le melodie mutano a seconda degli umori. E così, "Settembre" evidenzia l’algida rassegnazione di una donna che ha perfettamente intuito la fine del proprio rapporto, in un tran tran di smanie reiette e flussi celati dell’Io. Allo stesso tempo, la disperazione lucida de “Il tamburo di latta” getta gli ultimi cocci di una relazione conclusa nel peggiore dei modi, in un’ostentazione plurima di assolute “verità” e accettazione non corrisposta.
Se “Pensiero“ fosse uscita a cavallo tra i Sessanta e i Settanta, avrebbe senz’altro arricchito le casse della RCA, mentre “Ally” ondeggia soave al centro del piatto, nell’apprensione/stupore di un miracolo amniotico che stenta a essere compreso o razionalizzato.


È la canzone d’autore italiana che rimostra i suoi artigli, ritrova le sue muse e i suoi orchestrali lontana dai riflettori e dagli inganni.
Abbiatene cura.

(01/10/2010)

  • Tracklist

1. Settembre
2. Pensiero
3. Sapore di sangue
4. Tutta l'aria che c'é
5. Ally
6. The sleeper
7. Il Trono
8. Oh no!
9. Il tamburo di latta

Dilaila su OndaRock
Recensioni

DILAILA

Tutorial

(2014 - Niegazowana/ Audioglobe)
Quarto centro per la formazione milanese, tra rimandi retrò e rinascite interiori

Dilaila on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.