Gultskra Artikler

Galaktika

2010 (Gultskra Artikler) | dark-ambient, neo-age

Lontano dal bizzarro mondo dell’ottimo “Kasha Iz Topora”, il russo Alexey Devyanin rispolvera la ragione sociale Gultskra Artikler per immergersi dentro voragini dark-ambient dal sapore oltremondano.

Le voci che si riflettono una dentro l’altra nella title track, i movimenti astratti e le diafane somministrazioni di Divino di “Solnce”, ma anche la landscape in rovina, tra echi di musica post-industriale, concretismi surreali e musica sacra di “Nanorobot”: tutto mostra un volto inquietante, intimamente ambiguo, quasi che Devyanin abbia trasferito il suo gusto per il bizzarro tra le viscere della terra o tra gli anfratti siderali, alla ricerca di qualche indizio di alterità sfuggenti.

La musica cosmica è solo un punto di partenza, non la meta da raggiungere. Ci sono in ballo, infatti – pur in un gioco chiaroscurale che non riesce a essere definitivo - tante altre minuzie, come l’arpa sintetica e le reminiscenze Forrest Fang di “Saturn”, la Fursaxa più metafisica di “Luna” e il sinfonismo enigmatico di “Asteroid”. Il Sacro è una dimensione verso cui l’opera si spinge con grande fervore (“Niti”, “Angel”), ma non è ancora arrivato il tempo della Rivelazione.
Aspettiamo fiduciosi, comunque.

(14/06/2010)

  • Tracklist
1. Galaktika
2. Solnce
3. Nanorobot
4. Saturn
5. Luna
6. Sputnik
7. Asteroid
8. Niti
9. Angel
Gultskra Artikler su OndaRock
Recensioni

GULTSKRA ARTIKLER

Abtu Anet

(2012 - Miasmah Recordings)
Alexey Devyanin e il mondo surreale e incantato già esplorato sull'ottimo "Kasha Iz Topora" ..

GULTSKRA ARTIKLER

Kasha Iz Topora

(2007 - Miasmah)
Nuova rivelazione dal laboratorio ambient Miasmah: il russo Alexey Devyanin

Gultskra Artikler on web