Thermals

Personal Life

2010 (Kill Rock Stars) | alt-rock

E così i Thermals sono approdati al quinto disco, il secondo edito per la Kill Rock Stars dopo aver prestato i propri servigi per la Sub Pop.

A un solo anno e mezzo di distanza dal discontinuo "Now We Can See", il quale aveva sancito un deciso ammorbidimento dei suoni del gruppo, la notizia è che il nuovo "Personal Life" ci ha sorpreso molto positivamente.

Dentro ci sono dieci canzoni che riportano il trio di Portland su binari musicalmente più sostenuti, il tutto suonato in maniera sempre poco invadente ma straordinariamente efficace.

La batteria di Westin Glass, il basso di Kathy Foster e la chitarra del leader Hutch Harris esprimono soltanto ciò che è strettamente necessario, eppure nel loro energico light-rock non manca assolutamente nulla.


I tre paiono quasi agire per sottrazione, con la chitarra che entra decisa solo quando serve davvero, senza mai strafare, e gli altri due strumenti si rivelano pronti a disegnare gli scenari di riferimento.

Sembrerebbe cosa facile e scontata, eppure in pochi oggi riescono a tirar giù un prodotto tanto lineare, semplice e diretto, pur restando in territori ascrivibili in ambiti alternativi.

Ovvio che miscelando gli ingredienti in tale maniera i Thermals riescano agilmente a progettare potenziali hit, e il primo singolo "I Don't Believe You" risulta perfetto in tal senso, con ogni suono ed ogni coretto messi al posto giusto.


Interessante la logica che ha guidato l'ordine delle canzoni, le quali vanno a suddividere idealmente il disco in due sezioni: nella prima la narrazione avviene in prima persona, poi gradualmente si passa alla seconda.

A una prima parte autobiografica, segue la presa di coscienza del mondo circostante e delle persone nelle quali quotidianamente ci si imbatte.

Addirittura l'ultima traccia ("You Changed My Life") annulla e ribalta i presupposti del brano iniziale ("I'm Gonna Change Yor Life"), andando a chiudere il cerchio in una sorta di ideale concept sulla disillusione e l'incomunicabilità interpersonale, sempre ben puntellato da titoli programmatici quali "Never Listen To Me", "Power Lies" o "Alone, A Fool".

Il più grande cambiamento rispetto al passato risiede proprio nel contenuto dei testi: accantonati gli slogan politici anti-Bush e le problematiche a sfondo sociale, oggi i Thermals puntano sull'introspezione e parlano di episodi di "vita personale".

Le canzoni sono fresche e coinvolgenti, furbe al punto giusto, e per una volta non si assiste alla concentrazione delle tracce migliori nella prima parte del disco, visto che proprio nel finale viene riservato spazio alla convincente doppietta "A Reflection"-"You Changed My Life", unita da un benvenuto intermezzo noise, che dà il giusto tono alternativo all'insieme.

Per la produzione è stato scelto Chris Walla, già con la band nel 2004 ai tempi di "Fukin A".

I Thermals questa volta hanno lavorato bene, e se non fosse stato per i soliti due disgraziati riempitivi avrebbero anche potuto raggiungere l'eccellenza.

(02/11/2010)

  • Tracklist
  1. I'm Gonna Change Your Life
  2. I Don't Believe You
  3. Never Listen To Me
  4. Not Like Any Other Feeling
  5. Power Lies
  6. Only For You
  7. Alone, A Fool
  8. Your Love Is So Strong
  9. A Reflection
  10. You Changed My Life
Thermals su OndaRock
Recensioni

THERMALS

Desperate Ground

(2013 - Saddle Creek)
Torna la formazione di Portland, come sempre divisa tra garage, punk e pop

THERMALS

Now We Can See

(2009 - Kill Rock Stars)
Cambio di etichetta e svolta power-pop nel quarto lavoro dei ragazzi di Portland

Thermals on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.