Genocide Organ

Under Kontrakt

2011 (Tesco) | industrial, power electronics

Una delle più inaccessibili, ostiche e a suo modo pioneristiche figure della scena industrial è ritornata sulla lunga distanza dopo circa sei anni di assenza dall'ultimo "In Konflikt", album che aveva dimostrato nuovamente la capacità dei Genocide Organ di lavorare su più livelli di significazione e interpretazione, unendo il classico suono noise & power electronics con elementi letterari e politici, in una volontà (da sempre presente sin dai loro esordi) di fanatismo artistico.

Incentrato concettualmente sul mercenarismo che ha caratterizzato da sempre le vicende militari, i Genocide Organ vivisezionano, ricuciono, strappano, pirateggiano e collegano in modo anarchico ciò che vuole essere un manifesto crudo della realpolitik dietro questo scenario.
La denuncia politica e sociale, la riflessione terroristica e paranoica sui tabù e i punti molli della morale umana sono caratteristiche fondanti dei nostri, che non hanno mai rinunciato a una rappresentazione provocatoria, simbolica, ambigua e contorta delle ideologie. Tacciati di razzismo, nazismo, sadismo e infiniti altri -ismi malati, i tedeschi hanno coerentemente mantenuto la loro disturbante identità fino ad oggi.

"Under Kontrakt" si sposta, seppur lievemente da questo assioma, diventando un'immagine sfocata e parziale. Preceduto da un video/trailer che intendeva anticipare i contenuti del disco, l'album si propone anche esteticamente, nella sua grafica, come un'opera dal contenuto superficiale e decifrabile nel suo messaggio concettuale: una superficialità da non catalogare come mainstream ma come semplicità di struttura.
Se da una parte il magmatico flusso di drone e tappeti noise di macchinari industriali ritmano e riempiono un ambiente saturo di conflitto e negatività, l'insieme di innesti spoken word - ripresi da discorsi di leader politici, e trasmissioni televisive, modificati e trasformati in un ipnotico loop da registratore rotto - abbondano in maniera tale che l'ascolto procede a fasi interrotte. Quasi si fosse di fronte alla colonna sonora di una pellicola, sembra di ritrovare i colori degli "speciali dal fronte" del film "Orwell 1984".
Si produce così un'atmosfera sottotono he accoglie come unici punti di spicco "It's Over" e la successiva "Forever Whore", che riescono a farsi apprezzare nelle loro strutture leggermente più eterogenee. Il resto delle composizioni si adagiano su un'idea ambient da trincea che non lascia sfumare suggestioni particolarmente originali.

In sintesi, "Under Kontrakt" non si distinguerà particolarmente nella discografia dei Genocide Organ, se non per essere una sufficiente prova di stile. Uno stile affermato e riconosciuto come storico ormai, ma che in questa prova non esercita alcuna particolare innovazione, mancando sopratutto della profondità e forza comunicativa che ha sempre contraddistinto il gruppo.

(20/07/2011)

  • Tracklist
  1. Error
  2. It's Over Again
  3. Forever Whore
  4. Denard
  5. Prince
  6. I'm With You All Days
  7. Tamil Eelam
  8. Armor Group
  9. S.low
  10. The Lord Is My Light
  11. We Are Here To Have A Good Time
Genocide Organ su OndaRock
Recensioni

GENOCIDE ORGAN

Leichenlinie 1989/2009

(2010 - Tesco Organisation)
Finalmente ristampato il leggendario album d'esordio per uno dei nomi più importanti della ..

Genocide Organ on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.