Death Grips

No Love Deep Web

2012 (autoprodotto) | electro hip-hop

Dopo un chiacchieratissimo mixtape, i Death Grips avevano firmato un contratto nientemeno che con la Epic/Sony BMG Records. A quanto pare, però, la label ha incominciato, ad un certo punto, a fare le bizze, rimandando più volte l’uscita del loro nuovo disco.
Così, i Death Grips hanno semplicemente messo online, in download gratuito, “No Love Deep Web” (per gli hipster è “NØ LØV∑ D∑∑P W∏B”), mandando a quel paese la Epic sul loro Twitter, con tanto di dito medio immortalato in una foto.

Roba interessante per alimentare un po’ di gossip. Ma la musica? Be’, siamo dinanzi ad un nettissimo passo indietro rispetto alle belle cose mostrate nei primi due lavori. E’ evidente che il “contatto” con il mondo delle major non abbia portato niente di buono nel mondo dei Death Grips, qui alle prese con una variante piuttosto fiacca del loro hip-hop sperimentale e barricadero, a quest’altezza non-più-sperimentale e non-più-barricadero.
Le batterie si sono improvvisamente scaricate, le trame sono diventate finanche bislacche, tra ghirigori insistiti, beat e texture anemiche, vocine ebeti in loop, rimpalli annoiati stile videogame d’antan (durante “Hunger Games”, lo ammetto, ho sbadigliato di brutto…), ragnatele electro che continuano a rimuginare su se stesse e un flow che in più di un'occasione finisce per assomigliare ad un ricettacolo di rabbia implosa, "truffaldina".

Nella cupa fonderia minimalista di “No Love”, nelle profondità cosmico-industriali di “Lock Your Doors” e nei vortici montanti di “Deep Web” qualcosa stuzzica ancora, anche se tutto è fin troppo calcolato, sempre meno creativo.
E quando, in coda, ascolti “Artificial Death in the West”, hai quasi la sensazione che sia lì non per caso, quasi a prefigurare la fine ingloriosa e, appunto, “artificiale” di una gran bella promessa… Senza dimenticare, poi, che quella copertina servirà a molti per dare sostanza alla loro definizione di “disco del cazzo”.

(02/10/2012)

  • Tracklist
  1. Come up and get me
  2. Lil boy
  3. No Love
  4. Black dice
  5. World of Dogs
  6. Lock your doors
  7. Whammy
  8. Hunger Games
  9. Deep Web
  10. Stockton
  11. Pop
  12. Bass rattle stars out the sky
  13. Artificial death in the West

Death Grips su OndaRock
Recensioni

DEATH GRIPS

Year Of The Snitch

(2018 - Third Worlds)
Ulteriore, folle ma anche sofisticato rinnovamento per il combo MC Ride-Morin-Hill

DEATH GRIPS

Fashion Week

(2015 - Third Worlds)
Una raccolta di strumentali hip-hop per il trio americano

DEATH GRIPS

Jenny Death: The Powers That B Disc 2

(2015 - Third Worlds)
Ritorno alla forma migliore per il temibile trio californiano, tra hip-hop e furia iconoclasta

DEATH GRIPS

Niggas On The Moon: The Powers That B Disc 1

(2014 - Third Worlds)
Disco in download gratuito per il collettivo hip-hop californiano

DEATH GRIPS

Government Plates

(2013 - Third Worlds)
Il collettivo californiano ritorna a declinare il suo schizofrenico hip-hop in un disco ancora una volta ..

DEATH GRIPS

The Money Store

(2012 - Epic)
Il primo vero album del temibile collettivo californiano Ŕ un'esplosione cattivissima di hip-hop torturato ..

DEATH GRIPS

Exmilitary

(2011 - Third Worlds)
Il mixtape che, appena un anno fa, rivelava al mondo l'esistenza del molesto collettivo hip-hop californiano ..

News
Death Grips on web