Ken Stringfellow

Danzig In The Moonlight

2012 (Lojinx) | soft-psych-country-pop

Otto anni dopo “Soft Command” l’ex-Posies Ken Stringfellows mette insieme l’album più ambizioso e complesso della sua carriera. Dopo aver calcato le scene coi Rem nel loro tour per promuovere l’album “Accelerate", Ken assembla un sontuoso e ambizioso racconto in musica.
“Danzig In The Moonlight” è l’occasione giusta per tirare le somme su un artista destinato allo status di cult-musician; ombre e luci sono ancora presenti nelle quattordici tracce del suo quarto album solista (quinto se si considera l’Ep “The Sellout Cover Session Vol 1”), ma l’abile produzione offre più di un motivo d’interesse.

Ken Stringfellow mette a nudo tutte le sue passioni, dai Bee Gees prima maniera in "History Buff" al soul Motown in “Pray”, fino al musical hollywoodiano nel pastiche sinfonico di “4am Birds - The End Of All Lights - The Last Radio”, con risultati però non sempre convincenti.
Mai banale o fuori linea, la musica di Ken Stringfellow possiede la chiave per concentrare in pochi minuti melodie pregevoli che catturano l’ascolto senza stupire. Country, psichedelia dai toni soft, pop e soul si incrociano dando vita a un folk-rock dai toni melodrammatici (“Jesus Was An Only Child”) a volte oppressivi (“Odorless, Colorless, Tasteless”), che si liberano improvvisamente in splendidi affreschi pop, come l’affascinante “Superwise” o la succulenta “You’re The Gold”.

Non mancano comunque autentici colpi di genio: “110 Or 220V” è un'incantevole e suggestiva ballad alla Crosby & Nash, che si candida come una delle sue migliori canzoni di sempre, mentre il duetto con Charity Rose Thielen (cantante degli Head And The Heart) offre le stesse emozioni, con un sapore agrodolce più intenso che rende evidenti le doti di songwriting di Stringfellow.

“Danzig In The Moonlight” non è comunque l’album della consacrazione definitiva dell’autore, ma un altro elegante tassello di una storia musicale degna di rispetto.

(27/01/2013)



  • Tracklist
  1. Jesus Was An Only Child
  2. 110 or 220V
  3. Superwise
  4. Shittalkers
  5. History Buffs
  6. You’re the Gold
  7. Drop Your Pride
  8. Play
  9. 4AM Birds / The End of All Light / The Last Radio
  10. Odorless, Colorless, Tasteless
  11. Even the Forgers Were Left Fingering the Fakes
  12. Doesn’t it Remind You of Something
  13. Savior’s Hands
  14. You’re a Sign
Ken Stringfellow su OndaRock
Ken Stringfellow on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.