Ulcerate

Vermis

2013 (Relapse Records) | post death-metal, sludgy death metal

Procedendo nel solco di “The Destroyers Of All”, “Vermis” ci riconsegna i neozelandesi Ulcerate ancora alle prese con vaste e maestose dissertazioni in bilico tra plumbeo death-metal e sludge ultrasonico.

Anche se gli intermezzi atmosferici resistono qua e là, consentendo a questa musica, dopo colate di febbrile elettricità, batterismo titanico e growl abnorme, di riprendere fiato come un mostro ferito ma tutt’altro che desideroso di arrendersi, gli Ulcerate continuano a fare la voce grossa, imbastendo composizioni sempre più massimalistiche, senza, però, riuscire nell’intento di spostare in avanti il baricentro della loro creatività. I loro incubi di distruzioni totali e i loro deliri di onnipotenza, infatti, qui finiscono per appiattirsi in un susseguirsi di bolge sonore che annichiliscono per la loro potenza, in grazia anche di una produzione sicuramente più adeguata rispetto al passato (c’è maggior equilibrio, per esempio, tra il suono delle chitarre e quello della batteria), ma che, purtroppo, lasciano a desiderare in termini di creatività.

Nel complesso, quindi, questo quarto lavoro della loro carriera può essere letto come un disco di assestamento, in cui tutti i brani (dalla smisurata title-track alla poderosa “Clutching Revulsion”, dalla torrida “Confronting Entropy” alle dinamiche più ragionate di “Cessation”) solo a sprazzi riescono a riconsegnarci la visionaria potenza e l’impatto emotivamente annichilente di un tempo.
A questo punto, il prossimo disco rischia di essere decisivo, perché dovrà dirci se la band è decisa a proseguire in quest’onesta ma sterile rilettura di quanto è stato messo a punto nei primi tre lavori, oppure se ha intenzione di rimescolare le carte in tavola, tirando fuori dal cilindro qualche altro numero mozzafiato. 

(02/11/2013)

  • Tracklist
  1. Odium
  2. Vermis
  3. Clutching Revulsion
  4. Weight of Emptiness
  5. Confronting Entropy
  6. Fall to Opprobrium
  7. The Imperious Weak
  8. Cessation
  9. Await Rescission
Ulcerate su OndaRock
Recensioni

ULCERATE

The Destroyers Of All

(2011 - Willowtip)
Un suono sempre più atmosferico e "totalizzante" per la devastante compagine neozelandese

ULCERATE

Everything Is Fire

(2009 - Willowtip)
Espressionismo titanico e strutture d'acciaio nell'eccellente seconda prova della band neozelandese

Ulcerate on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.