Architecture in Helsinki

NOW + 4EVA

2014 (CW5001C) | synth/electro-pop

Ricordo sempre con piacere il periodo indie/twee-pop di questo collettivo australiano, un ricordo tenero, soprattutto oggi che mi ritrovo a dover fare i conti con il secondo disco della loro fase sintetica, aperta con tutti i lustrini, gli scodinzolamenti e le mossettine in upbeat del caso da una “In The Future” che sembra voler ribadire a chiare lettere che il passato è passato ed è inutile, ancorché uncool (Dio!), mettersi a sghignazzare sul bel tempo andato. Si faccia, quindi, buon viso a cattivo gioco, ma soltanto per un paio di passate, perché dal terzo giro in poi il disco finisce per rivelarsi, senza mezzi termini, per quello che è...

Tutto sommato, “NOW + 4EVA” non è un disco brutto, di sicuro non quanto il titolo, ma le armonie zuccherose e le meccaniche androidi che costituiscono l’impalcatura di brani quali “When You Walk Into The Room” o “Dream A Little Crazy” (non male con quel suo vagheggiare ipotesi di coralità riscritta col senno di poi) si reggono fino a un certo punto e non per questioni di pregiudizi o quant'altro, ma molto semplicemente perché la scrittura è quella che è: trita e ritrita.

Sono della partita anche numeri più scopertamente ballabili (“I Might Survive”, “(Boom) 4EVA”, “2 Time”), dove cadenze appiccicose, vocalizzi sensuali e luci stroboscopiche ammaestrate a dovere finiscono per trasformarti la stanza in un piccolo club per pochi intimi.
Altrove, si veleggia verso lidi wave (“U Tell Me”, “Born To Convince You”), si accendono lumicini jazz & dreamy-pop (“Echo”) o si fa leva su ballate che innalzano drammaticamente il livello di muzak nei dintorni (“April”).
A questo punto, meglio se si danno al soul-pop di matrice Motown, come fanno in coda con “Before Tomorrow”...

(16/04/2014)

  • Tracklist
  1. Living In The Future
  2. When You Walk In The Room
  3. I Might Survive
  4. Dream A Little Crazy
  5. Boom (4EVA)
  6. U Tell Me
  7. Echo
  8. Born To Convince You
  9. 2 Time
  10. April
  11. Before Tomorrow

Architecture in Helsinki su OndaRock
Recensioni

ARCHITECTURE IN HELSINKI

Moment Bends

(2011 - Modular)
Il pop tirato a lucido della compagine australiana, nel suo disco meno ispirato

ARCHITECTURE IN HELSINKI

Places Like This

(2007 - V2)
Il nuovo party avant-pop del collettivo australiano

Architecture in Helsinki on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.